Posted in: Nuove tecnologie, Tutti gli articoli

Diritti (e doveri) in Internet per un “Web educativo”

Diritti (e doveri) in Internet per un "Web educativo"
“Il Web educativo” necessita di regole , che rimandano a una serie di diritti e doveri.

Diritti (e doveri) in Internet, documento importante e da tener sempre presente. Il Web non può diventare uno “sfogatoio” o il terminale delle peggiori pulsioni. L’impegno per un  Web educativo.

Diritti (e doveri) in Internet, una “carta” importante

Diritti (e doveri) in Internet, un documento importante e sempre attuale, anche se sono passati  quattro anni dalla sua approvazione definitiva (28 luglio 2015).
Il Web è la nuova dimensione, il nuovo mondo dove si trascorre molto tempo della nostra giornata per informarsi, condividere, scaricare applicazioni molte delle quali  semplificano l’esistenza. Al pari del contesto reale, anche il Web è ibrido per via dei due-quattro miliardi di persone collegate, ognuna delle quali esprime una classe di approccio al mondo virtuale.
Questo significa che esistono anche internauti che gradualmente superano la linea della normalità. Mi riferisco al fenomeno dell’essere sempre connessi che gradualmente porta le persone a isolarsi (sindrome di Hikimori).
Esiste un altro gruppo di individui che considerano il Web “una terra di nessuno”, dove
le regole del contesto fisico di buona interazione con gli altri non valgono. I soggetti che agiscono in questo modo, sono convinti che grazie all’assenza del corpo e all’attivazione di qualche procedura  che oscura il proprio ip pubblico (anonimato), tutto sia lecito.

I contenuti della carta dei diritti e doveri

Da questa breve disanima emerge la necessità di stabilire le regole di navigazione, costituite da diritti e implicitamente da doveri. I due elementi costituiscono il Web educativo.
Si legge ” La “Rete” è stata considerata già nel 2003 nel quadro delle Nazioni Unite
come una componente essenziale di una “società dell’informazione”, dove tutti
possono creare, accedere, utilizzare e condividere informazioni e conoscenze
senza subire abusi da parte delle autorità o da altri privatiIl riconoscimento di tali diritti trova il suo fondamento nel rispetto della dignità,
libertà, uguaglianza e diversità di ciascuna persona ed è questo il termine di
confronto per il bilanciamento dei diritti e degli interessi in gioco.
Lascio alla curiosità del lettore il resto. Carta che deve diventare una bussola di navigazione nel Web.