Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Diritto allo sciopero, uno scenario inquietante

Diritto sciopero
Il diritto allo sciopero sta rischiando di essere ulteriormente compresso. Ma a chi interessa?

Diritto allo sciopero, all’Aran si tratta per un aggiornamento. Purtroppo non giungono buone notizie. La possibile deriva preoccupa. Il diritto allo sciopero già fortemente normato, rischia la beffa.

Diritto allo sciopero, normato con qualche forzatura

Diritto allo sciopero fortemente depotenziato dalla L.146/90, rischia di assumere caratteristiche farsesche. Il diritto a dissentire costituzionalmente previsto dall’art. 40 è stato normato dalla legge 146/90 con qualche forzatura relativa all’istruzione. Il disposto, infatti ha inserito l’istruzione tra i servizi essenziali, declinata soprattutto nel momento degli scrutini (Legge 146/90) . Scrive S. D’Errico ” La Costituzione prevede in effetti la regolazione del diritot allo sciopero. E’ scontato, giusto ed evidente che anche in caso di sciopero generale si debba poter trovare dei pronto soccorso aperti, e ospedali con unità d’urgenza operanti. Ma spacciare una pagella per servizio “minimo”, indispensabile e quindi sempre da garantire esattamente entro la data prevista per l’affissione dei quadri di valutazione delel classi intermedie… è ben altra cosa

Un aggiornamento peggiorativo, quindi inquietante

In questi giorni si stanno tenendo degli incontri presso la sede dell’ARAN. L’obiettivo è di limitare ulteriormente i disagi provocati dalla giornata di sciopero, soprattutto quello indetto dalle sigle minori.
Cosa sta emergendo dai resoconti sindacali?
La controparte ha espresso l’intenzione di chiedere ai docenti di esprimere la loro decisione di adesione o meno allo sciopero per consentire al D.S. di organizzare  il servizio.
A questo occorre aggiungere anche la possibilità di precettare i docenti per garantire i livelli minimi del servizio scolastico.
Cosa dire? Sempre peggio! Se le proposte – la prima pare accantonata- diventeranno  i contenuti di un accordo, allora assisteremmo a una significativa contrazione del diritto allo sciopero. Ci sarà qualche malumore, ma occorre dire che  lo strumento di dissenso è sempre meno diffuso tra i docenti, divenuti passivi e apparentemente indifferenti ai colpi di martello  che provengono dall’alto. Staremo a vedere!