Da Facebook e Instagram una buona notizia

Facebook e Instagram

Una buona notizia! Occorre però che tutto il Web divenga “positivo”

Facebook e Instagram, un’ottima iniziativa sulla presenza di “ragazzini” (minori di 13 anni) che con l’assenso dei genitori, sono presenti “senza titolo” su questi ambienti.

Facebook e Instagram si muovono…

Si legge su IlFattoQuotidiano.it  “Mark Zuckerberg ha varato infatti nuove linee guida per i moderatori di Facebook e Instagram: adesso questi potranno intervenire direttamente per bloccare i profili dei minori di 13 anni. “Finora i controllori – ha spiegato un portavoce dell’azienda al sito TechCrunch – sono potuti intervenire sugli under 13 solo se il loro profilo era stato segnalato a causa della giovane età. Ora, invece, i moderatori potranno bloccare direttamente i profili di tutti i ragazzini in cui si imbatteranno: non li andranno a cercare, ma se li vedranno scatterà il cartellino rosso. Chi avrà il profilo bloccato, dovrà dimostrare di avere più di 13 anni”.

Ottima iniziativa, ma…

Che dire? Approvo “senza se e senza ma” la decisione  che si adegua alla “Coppa” (Children’s Online Privacy Protection Act), come scrivevo ieri. La presenza dei ragazzini però non è limitata a Facebook e/o Instagram. Occorre considerare, infatti tutto il resto che ” garantisce” l’anonimato e la cancellazione in default di messaggi o materiale fotografico (modello Snapchat). Condizioni che proteggono dalle “sbirciate”  di quei pochi genitori che frequentano questi ambienti. Qualcuno obietterà, affermando che l’età troppo bassa, non favorisce la frequentazione di altri ambienti. Non è così! “Stando a quanto riportato nell’ultima report trimestrale della società, il numero è passato da 185 a 184 milioni. Un calo contenuto, ma che rappresenta comunque un segnale preoccupante per l’azienda di Menlo Park. L’aspetto più importante, però, è la fascia demografica in cui è avvenuto il declino: nel 2017, l’utenza tra i 12 e i 17 anni è infatti scesa del 9,9%.”

Urge un “Web educativo”

Occorre pertanto che tutto il Web divenga più attento e sensibile al trattamento dei dati personali del minore. Lo hanno già fatto anche Twitter, WhatsApp. Mancano all’appello Telegram e Signal. Resta l’ambiguità di Snapchat.  Scrivono i responsabili “i servizi non si rivolgono a persone sotto i 13 anni, Questo spiega perché non raccogliamo consapevolmente dati personali di soggetti con un’età inferiore ai 13 anni”.
Questa è la situazione degli ambienti più noti. Ma sappiamo benissimo che esiste il Dark Web, evoluzione della DarkNet (qualsiasi rete non appartenente ad ARPANET)  E qui le cose si complicano!

Questa voce è stata pubblicata in Tutti gli articoli. Contrassegna il permalink.