Posted in: Opinioni, Pedagogia, Tutti gli articoli

“I nostri figli non ci appartengono” ( Gibran)

176886_208631282496268_131967240162673_808471_6337846_o

Spesso mi capita di incontrare genitori apprensivi, che per motivi diversi ritengono i propri figli come una “proprietà privata”, sottraendoli quindi alla vita, alla loro vita, ma che è anche la nostra vita. Questa è fatta   di esperienze positive.e negative. Nella prima categoria inserisco l’amicizia, l”amore, gli incontri occasionali carichi di elementi di crescita,  l’opportunità di conquistare  traguardi sempre più impegnativi , grazie alla convinzione che la vita è fatta sempre di ripartenze, di rinascite continue nella logica di quell’immenso brano musicale che ha cambiato per sempre  la mia vita: “Cervo a primavera” ( Riccardo Cocciante ). Tra queste  esperienze aggiungo la possibilità di  non accettare la realtà come un dato immodificabile ( Cartesio…Kant), ma quasi sempre costruita da noi ( Fichte, Hegel, Marx, Gramsci, Giolitti… );  la  felicità conquistata con le proprie forze, cosciente che “la possibilità di realizzare la pienezza dell’essere, sarà impossibile” (“l’essere per la morte” di M. Heidegger).
Nello stesso tempo penso al lato oscuro o grigio della vita, fatto da frustrazioni, dall’esperienza del limite, costituito dal  dolore personale e quello delle persone care, e dal ” naufragio dell’esistenza” ( M. Heidegger – K. Jasper ) rappresentato dalla morte.  Quest’ultime esperienze ( dolore e morte ) sono quasi sempre messe al margine, nascoste, edulcorate  soprattutto agli occhi dei bambini. Difficilmente ho incontrato questi ” piccoli uomini” ad un  o al cimitero.  Eppure anche questa è la vita!  Privandoli di queste esperienze, come decidono alcuni genitori-chioccia, si rischia di non prepararli alla vita, ” al senso della terra” ( F. Nietzsche ). La vita divenuta “liquida” ( Z. Bauman ) ,  richiede ragazzi che sappiano “aggredirla”, con l’iniziativa, l’intraprendenza, la creatività, supportate sempre da adeguate competenze, capacità di riconfigurarsi in rapporto ai contesti divenuti mobili…
Tutto questo auguro ai nostri figli, sapendo, però che la loro vita sarà diversa dalla nostra, dalla mia. Del resto essa non appartiene a nessuno se non a se stessa nella sue infinite facce, da sperimentare fino in fondo. Questa vita  che è soprattutto sogno e se ne fosse priva, probabilmente non potrebbe essere vissuta!
Concludo questa mia riflessione “postando” la riflessione di Gibran

I vostri figli non sono figli vostri… sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita.
Nascono per mezzo di voi, ma non da voi.
Dimorano con voi, tuttavia non vi appartengono.
Potete dar loro il vostro amore, ma non le vostre idee.
Potete dare una casa al loro corpo, ma non alla loro anima, perché la loro anima abita la casa dell’avvenire che voi non potete visitare nemmeno nei vostri sogni.
Potete sforzarvi di tenere il loro passo, ma non pretendere di renderli simili a voi, perché la vita non torna indietro, né può fermarsi a ieri.
Voi siete l’arco dal quale, come frecce vive, i vostri figli sono lanciati in avanti.
L’Arciere mira al bersaglio sul sentiero dell’infinito e vi tiene tesi con tutto il suoi vigore affinché le sue frecce possano andare veloci e lontane.
Lasciatevi tendere con gioia nelle mani dell’Arciere, poiché egli ama in egual misura e le frecce che volano e l’arco che rimane saldo.