Posted in: Esperienze, PNSD, Tutti gli articoli

I Pon e l’animatore digitale?

 
Dieci giorni fa è stato pubblicato il PON ” per lo sviluppo del pensiero computazionale e della creatività digitale e per lo sviluppo delle competenze di cittadinanza digitale”.
Lo leggo. Lo rileggo e ho la sensazione che manchi qualcosa. Meglio qualcuno: l’Animatore Digitale. Non mi aspettavo di trovarlo alla voce attività formativa ( pag 6 ). Egli deve essere  un facilitatore, può, invece, non essere un formatore. Quindi pensavo di trovarlo, almeno citato,  nella sezione “Attività di sezione” e invece nulla. Si legge infatti:”Attività di gestione – comprende tutte le spese legate alla gestione delle attività formative previste dal progetto (materiali didattici, di consumo, noleggio di attrezzature, rimborso spese di viaggio, compensi per DS, DSGA, referente per la valutazione, altro personale della scuola, pubblicità ecc.).”
Cosa pensare? Ho l’impressione che qualcuno al Miur stia riflettendo seriamente sulla efficacia di questa figura. Se fosse così, ai responsabili del Miur non costerà nulla un tratto di penna.  Invece, altra reazione avranno  tanti miei miei colleghi, che hanno investito tempo, denaro e risorse professionali per poi ricevere in cambio solo “un ben servito” per un impegno svolto sostanzialmente gratis.