Posted in: PNSD, Tutti gli articoli

Il Bollettino Ocse lancia una sfida agli Animatori Digitali

animatoreDigitale

Il link al termine di questa mia breve riflessione rimanda al bollettino dell’OCSE “Indicatori dell’istruzione al vaglio” ( marzo 2016 ). Il documento analizza le competenze informatiche dei docenti ( anche )  italiani, mediamente tra i più anziani, per via del blocco del turn over ).
Bene tra le cifre e le percentuali emerge un dato: gli insegnanti più giovani, e non sono tanti, dimostrano di essere più competenti nel risolvere problemi con il supporto dell’informatica, rispetto ai colleghi più anziani. Questi ultimi quindi “non sapranno prendere le distanze dai pasticci quotidiani e che per risolverli non avranno altra soluzione che quella di ricorrere agli espedienti del passato, di preferire una organizzazione scolastica burocratica, controlli amministrativi e di contestare sia le impostazioni della vita scolastica contraddistinte dall’autonomia professionale sia il ricorso a pratiche innovanti, a novità insomma come le TIC. Il ricorso alle TIC dipende dalle competenze degli insegnanti nelle TIC , questa è una verità lapalissiana, dalla capacità a servirsene in modo originale , creativo, nonché dall’abilità a sfruttarne la piena potenzialità”
Concludo: questo sarà il compito degli AD che dovranno andare oltre la procedura, l’istruzione legando  l’informatica con gli aspetti formativi, come la risoluzione dei problemi. Ne saranno capaci?  Mi auguro che il Miur al termine dei primi tre anni pubblichi dati e numeri dai quali sarà possibile desumere una valutazione scientifica sull’intero PNSD.
Articolo su Bollettino Ocse