Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Il Pd leggero e fluido

Immagine
Sabato scorso 209 firme autorevoli della finanza, delle  banche hanno pubblicamente sponsorizzato l’azione del governo ( “Corriere della Sera, consolidando ulteriormente il profilo di un Pd ormai completamente integrato nel sistema.
Non avevo bisogno di questa notizia per rivedere le mie posizioni sul Pd ( sostenitore e elettore fino al 2008 ) che è divenuto “leggero” ( libero dalla “solidità” della sinistra storica ) e  fluido ( sponsor del “turbo-nuovo” ). In altre parole ha cambiato pelle!!!
Qualcuno ha evidenziato il processo di “berlusconizzazione” del partito. In realtà il berlusconismo è l’effetto di una mutazione culturale, sociale ed economica  che ha perso l’orizzonte del futuro, inteso come trasformazione, superamento dell’attuale contesto, che ha messo al centro l’individuo, inteso come monade, allergico alla rivendicazione dei diritti sociali, impegnato solo ad espandere la sua “volontà di potenza” un derivato del “senso della terra” ( F. Nietzsche )
La postmodernità, intesa come superamento delle grandi narrazioni storiche,  si è tradotta nel Pd con la  sua “renzizzazione”, caratterizzata dal racconto  che prima dell’esponente di Rignano c’è stato il nulla, mentre grazie al suo avvento la storia può riprendere a camminare sulle ali dell’entusiasmo e della presa di coscienza delle “enormi potenzialità che ha il sistema-Italia”.