Istat, rapporto sulla conoscenza, solo utile

 

Istat

Una rapporto interessante, ma troppo sbilanciato verso l’utile

L’Istat, ha pubblicato un interessante rapporto sulla conoscenza.
Non lasciamoci fuorviare dal titolo. L’analisi non riguarda il gradino più basso dell’apprendimento. E’  lo stesso documento a chiarire l’oggetto della sua analisi: le competenze.
Il taglio costituisce, però, anche il suo limite. Il sottotitolo, infatti, definisce il contesto: “Economia e  società”.  Si legge nel documento: “Con riferimento al quadro teorico appena abbozzato nei paragrafi precedenti, il Rapporto utilizza il concetto di informazione economica, ossia di sapere utile. In questa prospettiva, si concentra primariamente sui modi e sui processi con cui la conoscenza si crea, si trasmette e si utilizza nell’economia e nella società, attraverso una selezione delle dimensioni rilevanti, misurate in termini quantitativi con opportuni indicatori. Prende in considerazione anche i fenomeni emergenti, trattati con indicatori e fonti nuove, gli strumenti che favoriscono lo sviluppo della conoscenza e le sfide per le politiche”.
Quindi chi cerca approfondimenti sul sapere gratuito, disinteressato rimarrà deluso. Decisiva, infatti,  l’attenzione al cittadino, meno all’uomo.  Tutti i capitoli sono accomunati da questa attenzione alla conoscenza utile e quindi alla formazione “ricercata” dal mondo della produzione.
Ne consiglio comunque la lettura per comprendere  meglio le caratteristiche della società liquida, tecnica e tecnologica.