Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

“La buona scuola”: il vizio di fondo!

Immagine renzi
Pare che il Presidente del Consiglio si stia convincendo che la “Buona Scuola” divenuta L.107/15 non funzioni.  A mio parere è una mossa elettorale per accattivarsi i voti degli insegnanti in vista del referendum. Comunque  è fuorviante incolpare la Giannini su un provvedimento voluto da tutto il Governo e dintorni e votato principalmente dal Pd divenuto nel frattempo “renziano”. Quindi penso a Faraone, Malpezzi e Renzi, Puglisi… Infatti, se qualcuno si va a leggere il programma sulla scuola proposto da  Bersani ( elezioni 2013 ) e con il quale si sono presentati tutti i parlamentari oggi “ex bersaniani,possiamo leggere innanzitutto l’abolizione del maestro unico, il ripristino dei moduli ( L.148/90 ) e del tempo pieno e quindi delle compresenze ( L.820/71 ). Di tutto questo e di altro ancora non c’é traccia nella “Buona Scuola”.
A questo aggiungo che la L.107/15  è stata copiata da programmi di Istituti ( qualcuno afferma di TreElle ) dal progetto del deputato di “Forza Italia” V. Aprea ( in questo c’é perfetta continuità tra destra e sinistra ). In questa fase di elaborazione i grandi assenti sono stati gli insegnanti!. La situazione si è ripetuta con la consultazione del settembre-ottobre 2014, che sostanzialmente non ha inciso sull’impianto della proposta di legge, in quanto il governo si è mostrato sordo alle tante critiche che associazioni professionali, testate giornalistiche online e singoli insegnanti. Ha preferito dare peso a chi sosteneva la Riforma. Tra novembre 204 e luglio 2015 il governo si  è barricato dentro il Palazzo, nonostante lo sciopero del 5 maggio e tante altre manifestazioni . Ed ora raccoglie i frutti di questo atteggiamento, formalmente disposto al dialogo ( Renzi dichiarava: ” Dialogo, ma c’é chi si crogiola nella  protesta” ),  coerente con lo storytelling renziano del ” Prima di me il diluvio! Con me il sol dell’avvenire!” (Giannini: “Stiamo facendo una riforma della scuola straordinaria e rivoluzionaria”) e in alcuni casi offensiva ( Faraone dichiarava il giorno prima dello sciopero del 5 maggio: “Domani in piazza ci sarà una minoranza del paese, la più chiassosa, ma sempre di minoranza si tratta. I sindacati conservatori costruiscono le paure e poi le cavalcano…). A mio parere anche le dichiarazioni formali e di circostanza hanno influito ad aumentare la distanza tra la politica e la scuola. Dichiarava, infatti, Il presidente del Senato P. Grasso : “C’è la disponibilità del Senato a sentire i docenti che oggi hanno scioperato. Perché per la buona scuola serve un confronto positivo per arrivare a soluzioni possibilmente condivise. La scuola è dei docenti e dei ragazzi ed è il futuro del Paese”.
Questi sono i fatti, che purtroppo svaniscono nel “tritacarne mediatico”, restituendoci solo frasi di circostanza e il NULLA.
Cosa deve  fare Renzi? Innanzitutto fermare con un atto formale e non con l’annuncite, gli effetti della L.107/15 e i decreti attuativi prima del 4 dicembre. Poi deve nominare a Ministro dell’Istruzione, scorporando il dicastero  dall’Università e dalla Ricerca, un insegnante che ha esperienza pluriennale  di classi-pollaio. E comunque un docente che abbia fatto fino al momento della nomina almeno venti anni di lavoro in aula! Infine allacciare un reale rapporto con  gli insegnanti in vista della nuova riforma, riservando  un ruolo marginale ai sindacalisti e ai vari ” grilli parlanti” della pedagogia o dell’Università… Sicuramente Renzi riuscirà a proporre una riforma “buona” senza aggiungere il termine “scuola”, in quanto questa già esiste ed è certificata dall’impegno e dal volontariato degli insegnanti. Nonostante i tanti bastoni frapposti tra le  ruote  dalla Gelmini e seguenti.