Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

La legge 107/15 non ha avuto il coraggio di…


La legge 107/15 conosciuta con un’ espressione di dubbia efficacia massmediatica di “Buona Scuola”, si è rivelata un disposto in perfetta continuità con altre leggi. Non è bell’esempio   del “#cambioverso” renziano. Il coraggio non è la sua caratteristica più rilevante. Questo tratto è attribuibile a chi opera una rottura, una discontinuità con il passato.
Alcuni esempi. Un provvedimento di sinistra, meglio di centro-sinistra, si è rivelato “confermativo”  dei disposti di Maria Stella Gelmini, grazie ai quali sono stati prelevati 8 miliardi alla scuola, annullate le compresenze nella scuola primaria, istituzionalizzate le classi pollaio e promessi 2.400 milioni di € per il merito… Di questi ultimi non si è saputo più nulla!
A questo occorre aggiungere il mancato coraggio a “proteggere la scuola” dal Disegno Aprea ( Dirigente Scolastico e deputato di Forza Italia ) e dai suggerimenti di altre agenzie esterne al sistema scolastico, dimenticando i primi attori: gli insegnanti!
Detto questo, si spera che nei programmi elettorali – tutti da verificare, già in questo scorcio di legislatura. Il tempo è sufficiente per presentare disegni di legge – ci sia l’esplicito riferimento al superamento “senza ma e senza se” della 107/15, delle leggi Gelmini, cadute nel “dimenticatoio”, del divieto di chiamare il supplente  il primo giorno di assenza del titolare.
Le forze politiche poi sono facilitate nella parte propositiva, grazie alla L.I.P. espressione della scuola che entra ogni giorno in aula!