Posted in: Cyberbullismo, Opinioni, Tutti gli articoli

La legge anticyberbullismo è fatta! Attendiamo, però, i primi segnali del Miur

legge anticyberbullismo
La legge anticyberbullismo è fatta!


La legge anticyberbullismo
(71/17) certifica “l’entrata in campo” della società civile. Esprime il superamento dell’atteggiamento passivo di chi “osserva dalla finestra” un evento. Esprime la volontà della società civile di intervenire sul fenomeno. Il provvedimento richiede però una serie di “traduzioni operative”. In loro assenza, la legge 71/17 assomiglia ad un treno “parcheggiato” su un binario morto

La legge anticyberbullismo

Riporto alcune parti significative della legge 71/17
”  Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, è istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, il tavolo tecnico per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo… redige, entro sessanta giorni dal suo insediamento, un piano di azione integrato per il contrasto e la prevenzione del cyberbullismo”
” Le linee di orientamento di cui al comma 1, conformemente a quanto previsto alla lettera l) del comma 7 dell’articolo 1 della legge 13 luglio 2015, n. 107, includono per il triennio 2017-2019: la formazione del personale scolastico, prevedendo la partecipazione di un proprio referente per ogni autonomia scolastica”.  ( Legge anticyberbullismo)

I “silenzi” del Miur

Al momento dal Miur non giungono notizie. Non si sa nulla del “tavolo tecnico”, delle linee guida… Il Ministro rilascia interviste, spesso contradditorie  su molti aspetti ( v. aumento contrattuale). Niente però sull’avvio della  fase uno di attuazione della legge anticyberbullismo. Considerata l’importanza della “posta in gioco” che rimanda alla cura e alla formazione dei nostri ragazzi, il segnale non è incoraggiante. Il silenzio risulta incoerente rispetto ai tanti proclami di attenzione al futuro dei nostri ragazzi.

Le uniche notizie. Una positiva, l’altra invece…


Nel frattempo la Rete invia dei primi segnali inquietanti di  adattamento, caratterizzati dall’indifferenza verso le denunce ( “Sono minorenni. Le pubblichiamo anche se ci denunciate“)

L’unica iniziativa di un certo rilievo proviene dalla Lombardia. L’USR di questa regione ha già pubblicato un’iniziativa di formazione sul proprio sito, che si inserisce in un percorso gia avviato da tempo .

I referenti anticyberbullismo. Figure del sistema-scuola

L’iniziativa sicuramente è da apprezzare. Occorre però una strategia nazionale, che in tempi brevissimi deve  portare alla nascita di una piattaforma. E’ impensabile non ripetere, come per gli Animatori Digitali,  la “scelta”  di realizzare uno spazio virtuale dopo due-tre anni. L’urgenza è dettata anche dalla particolarità delle relazioni con il fenomeno del cyberbullismo.  A breve è necessario definire meglio i  compiti e le  responsabilità degli incaricati d’istituto, in rapporto anche  a quelle istituzionali del Dirigente Scolastico ( vedi ad esempio  “Culpa in vigilando”, “Culpa in organizzando”)….  Questi aspetti necessitano di un adeguato confronto orizzontale e aperto tra i referenti, adeguatamente supportato dove occorre dalla Polizia Postale. Personalmente non credo molto negli “esperti teorici”.
E’ indispensabile che i referenti d’istituto si percepiscano come figure di sistema, non circoscritte all’Istituto Scolastico, bensì aperte e inserite in una rete di relazioni e di condivisioni che identificano il sistema-scuola. 

Diversamente non si va da nessuna parte!
In attesa di queste scelte strategiche ho aperto una pagina Fb ( “Referenti anticyberbullo”), collaboro con il 3° Municipio di Roma per iniziative sul territorio. Ovviamente ho assunto il ruolo di referente anticyberbullo nel mio istituto. Compiti che già svolgevo all’interno della F.S. per le Tic.