Posted in: Esperienze, Tutti gli articoli

La nostra domanda…

cuore senza cuore
Ha scritto  J. Conrad: ” Il mare non è mai stato amico dell’uomo, semmai complice della sua inquietudine
Questo stato diventa  bisogno di relazione, di sentirci a casa!!!  In altre parole: il cuore!!! Il nostro cuore!!! C’è chi afferma che questa esigenza sia il risultato dell’evoluzione, oppure risponda a un disegno di Dio. Difficile rispondere!!! Sappiamo solo che il nostro cuore batte ogni giorno, facendoci emozionare, cercare la persona amata,  un nuovo amico, o sfogliare la nostra agenda alla ricerca di un vecchio amico… Questo muscolo spinge  le nostre mani verso l’altro o le nostre braccia verso le stelle, ci spinge a spostare continuamente i nostri limiti. Conquistato un obiettivo, ci spinge a ripartire verso una nuova meta. Il cuore, il mio cuore mi porta a “rinascere ogni giorno” alla ricerca di un “ruolo definito” che mi faccia essere “felice d’esser nato, fra cielo terra e l’infinito”  sapendo però che  un giorno sarò costretto a fermarmi di  fronte al “naufragio della morte ( M. Heidegger )
(Il testo è di Cheope su musica di R. Cocciante ” Cuore senza cuore”)