Posted in: Sicurezza, Tutti gli articoli

La prevenzione è la strada maestra. Una sentenza da tener presente

prevenzione

Innanzitutto dolore e rispetto per le vite stroncate dal terremoto. Per quello che erano  e potevano essere. Alla loro umanità sottratta a tutti noi. Oggi siamo un pò più poveri. Questa riflessione è presente ogni volta che ho notizie di persone ( ovviamente sono esclusi i pazzi fanatici come i terroristi… )  che muoiono a qualsiasi latitudine o longitudine.
Detto questo, è da diverso tempo – nell’ultimo periodo un pò meno – che pubblico interventi ( un esempio: ” Le nostre tombe” )sulla necessità di mettere in sicurezza tutte le scuole e in generale tutto il nostro Paese. Si stima che per farlo occorrebbero 93 miliardi di € . In questa stima sono compresi anche i 12 miliardi per le scuole ( Protezione Civile, 2008 ).
Questo è l’obiettivo ideale, ma in tempo di “vacche magre” ( recessione economica molto lunga che sta “stressando” il nostro Paese ) secondo gli esperti ne servirebbero solo tredici per evitare che la conta dei morti diventi più pesante. Dal 1968 ( terremoto del Belice ) ad oggi, abbiamo avuto 4.838 morti e 150 miliardi di € di danni.
Di fronte a questi numeri, il Paese dovrebbe pensare seriamente a un piano straordinario di prevenzione che ovviamente non ci proteggerebbe dal possibile prossimo terremoto, ma darebbe un bel segnale che come dice Renzi di “cambioverso”. Solita obiezione: non ci sono i soldi. Balle! Si trovano, si devono trovare se veramente per il Paese ogni vita umana ha un valore immenso! La prevenzione fa parte di un profilo di un Paese proiettato nel futuro, che ha il suo piano inclinato verso la prospettiva. E’ assente invece dove il piano ” è pianeggiante” ( scusate il bisticcio di parole ), cioè schiacciato dall” “onnipresente presente” ( F. Hartog ), dove il futuro è una dimensione vuota, senza senso, in quanto domina l’eterno ritorno del sempre uguale ( F. Nietzsche ). In questo contesto di respiro corto, il domani rientra tra le fatalità, dove poco o nulla possono gli uomini.
Concludo, postando una sentenza della Cassazione che attribuisce agli insegnanti soprattutto a quelli preposti alla sicurezza,  una pesante responsabilità nella chiusura delle scuole ritenute a rischio. E’ da tenere presente, perché dopo l’evento tragico i giudici per dovere d’ufficio, devono controllare tutta la documentazione pregressa e le condizioni materiali e accertare che non ci siano state negligenze o imprudenze.
Sentenza cassazione