Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

La prospettiva “alta” della nostra rassegnazione

e78c0c914a44f3358fdd2557de795e16
Da sempre leggo due tipi di saggi: il primo è  di tipo giornalistico, il secondo e di natura sociologica o filosofica.
Del primo tipo ho bisogno perché desidero conoscere i fatti o approfondirli. Il saggio filosofico o sociologico mi permette di alzare la prospettiva, aiutandomi a non fermarmi ad “osservare l’albero, ma la foresta” ( F. Hegel )
E’ da qualche mese che ho approfondito il pensiero di D. Fusaro un giovane ed emergente filosofo torinese. Egli è un convinto hegeliano, gramsciano e marxiano, anche se con qualche distinguo verso il pensiero del filosofo di Treviri
Tra i suoi recenti lavori segnalo: Essere senza tempo. Accelerazione della storia e della vita ( Bompiani, Milano,  2010 )  Minima Mercatalia ( Bompiani, Milano, 2012 ),  Il Futuro è nostro. Filosofia dell’azione ( Bompiani, Milano, 2014 ). Sono tutti disponibili anche  in versione e-book.
Bene, ho trovato su Youtube un video di un suo intervento, nel quale riesce a ” fotografare” magistralmente lo stato di rassegnazione che caratterizza il nostro tempo. Nello specifico, girando molte scuole e frequentando il Web e i social Network frequentemente incontro colleghi che in modo rassegnato esprimono il seguente pensiero: ” Stiamo andando verso un modello di scuola, dove troveremo molti colleghi che lavoreranno gratis“.  Purtroppo questi miei colleghi separano la teoria dalla prassi. In termini più semplici, all’analisi di una situazione alienante non fanno seguire comportamenti di rottura, cercando di farsi portavoce e non solo di un sistema altro, da conseguire ovviamente con strumenti democratici. Infatti hanno accettato incarichi da AD o da componenti del team Innovazione ( gratis ) o da membri delle commissioni per il concorso- scuola ed altro ancora.
Questi miei colleghi si sono arresi a un presente ritenuto inelutabile e pur criticandolo con la loro inazione si presentano come i suoi apologeti.

Video Fusaro