Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

La valorizzazione di Renzi, il nostro disagio

Il documento “ La Buona Scuola” annuncia una buona notizia: gli insegnanti saranno valorizzati!!! Da anni aspettavamo di essere ricevere la certificazione di  qualità della nostra attività didattica. Finalmente la nostra PROFESSIONALITA’ sarà supportata da un riconoscimento formale. Era quello che chiedevamo da anni per uscire da quell’alveo assistenziale e di “custodia” dell’infanzia – mi riferisco ovviamente alla  scuola dell’infanzia e primaria –  , nel quale il contesto sociale ci ha confinato.  Allora perché protestare? Prendere le distanze  da una  proposta governativa che sta dalla nostra parte?  Il primo ministro Renzi, però vuole dare basi scientifiche  alla nostra attività didattica, formandoci e/o aggiornandoci sulle ultime teorie psicopedagogiche,  buone pratiche educative  e  dinamiche relazionali… Ne avevamo bisogno per uscire dall’improvvisazione e dall’intuizionismo professionale. In questo modo la nostra PROFESSIONALITA’ avrà solide basi scientifiche, coniugando il sapere con il saper fare. Allora perché non accogliere con entusiasmo “ La Buona Scuola”? Perché denigrare un documento che viene incontro alle nostre              esigenze             PROFESSIONALI? Ma Renzi va oltre! Da buon conoscitore del mondo della scuola ( lo dichiara sempre)  ci offre la possibilità di ampliare la nostra PROFESSIONALITA’, riconoscendo quelle funzioni organizzative e progettuali che fanno parte della nostra funzione docente. In questo modo avremo modo di espandere   la nostra PROFESSIONALITÀ con quelle pratiche, lasciate finora alla libera decisione del singolo, ma che diventeranno parte integrande del nostro essere docenti. Che vogliamo di più? Invece di protestare dovremmo accogliere positivamente “ La Buona scuola” che ha intercettato i nostri bisogni!  Eppure, tante domande, perplessità sono sorte intorno a questo documento. Non c’è traccia nel Web  e fuori da questo contesto virtuale di istituti che abbiano apprezzato il documento. Almeno,  non ne ho notizia. Il ministro, pertanto,  dovrebbe ascoltare le scuole , invece di chiudersi in un’autosufficienza culturale e professionale senza titoli, dimenticando che per avere una “ Una Buona Scuola” occorre avere “ insegnanti motivati ”. Diversamente non si va da nessuna parte. Si resta, nella migliore delle ipotesi fermi E questa non è una buona notizia per un Paese che non è stata benedetto dalla natura con risorse come il petrolio o l’oro. Il suo petrolio è la conoscenza!!! La sua mancata valorizzazione ci obbligherà ad osservare gli altri paesi dalle ultime fila.