Posted in: Opinioni

L’aumento di 100€ ci sarà, ma da dove arriverà?

L'aumento di 100 €
L’aumento ci sarà. Lo ha confermato il Ministro R. Gualtieri. Quali saranno le fonti extra D.lvo29/93

L’aumento di 100 € (lordo) arriverà! Il Ministro dell’Economia R. Gualtieri lo ha confermato.  Il problema è finanziamento extra D.lvo 29/93 .  che regola i contratti economici pubblici.

L’aumento di 100 € ci sarà! 

L’aumento di 100 € (lordo) sembra cosa fatta. La conferma autorevole proviene dal Ministro dell’Economia e delle Finanze R. Gualtieri. L’altro giorno lo ha dichiarato a Corrado Formigli (Piazzapulita, La7). ” c’è già l’accordo per dare 100 euro ai docenti!” 

Come bypassare il D.lvo 29/93?

Gli annunci anche autorevoli devono fare i conti con la legislazione vigente.  Nel nostro caso rimanda al D.lvo 29/93 che vincola i contratti economici del pubblico impiego al tasso di inflazione programmata. Se il governo scegliesse la strada di privilegiare il comparto-scuola, metterebbe in grandi difficoltà i sindacati, pressati dagli altri comparti pubblici che avanzeranno la medesima richiesta.
All’interno del D.lvo 29/93, le risorse sono già definite. Nell’intesa governo giallo-verde e sindacati (aprile 2019) si legge: ” La legge di bilancio ha stanziato risorse per garantire a regime un aumento delle retribuzioni di tutta la PA dell’1,95%: per la PA rappresenta un aumento medio di circa 49 euro, per la scuola rappresenta un aumento di 43 euro. ”
Quindi mancano all’appello 57€ ai 100€ promessi. Quali saranno le fonti alternative e fuori dal D.lvo 29/93.
Sicuramente non saranno nuove risorse. Si guarderà alla L.107/15 e in particolare al bonus merito e alla carta docente (detassata). Si stima che i docenti avranno mediamente in tasca rispettivamente 27 € ( 12+15). L’operazione troverà sicuramente l’opposizione dei renziani che coglieranno la decisione come un ulteriore depotenziamento della “Buona Scuola”.  Quindi mancano all’appello 30 €. Mistero sulle fonti! Non dovremo attendere molto, in quanto il governo dovrebbe presentare la legge di Bilancio intorno al 15 ottobre.