Posted in: Opinioni

Lezioni di economia pratica al Ministro Carrozza

O ci sono margini per un reinvestimento nella scuola pubblica oppure devo smettere di fare il Ministro dell’Istruzione“. Dichiarazione molto impegnativa del Ministro Carrozza, che denota anche una buona dose di ingenuità e di scarsa conoscenza di alcune elementari regole dell’economia. Sull’ingenuità ha risposto l’ex ministro Gelmini ( che ora sta facendo carriera, grazie alle politiche dissennate sulla scuola ): ” Chi tiene i cordoni della borsa non si spaventa certo se un ministro dice che se ne va” aggiungo ” da uno dei dicasteri che conta poco o nulla, se non per battere cassa“. Ma arriviamo agli aspetti che caratterizzano il titolo di questo mio intervento. Il ministro sa poco di economia, oppure fa finta di non conoscere i fondamentali di questa scienza. Glieli spiego io, maestro elementare.  Con un Paese che non ha nel suo Dna la dimensione della prospettiva, il futuro, e che ha il Pil in caduta libera e quindi  una riduzione delle entrate tributarie, dovute quest’ultime all’aumento della disoccupazione, è sciocco pensare che possa investire le sue poche risorse nella scuola. Queste devono essere impiegate per compensare i mancati introiti dell’IMU da parte dei comuni, il mantenimento dell’IVA al 21%, la cassa integrazione… Se aggiungiamo a questi dati l’enorme debito pubblico da dimezzare nei prossimi  dieci anni ( fiscal compact ) e agli interessi sullo stesso da pagare ogni dodici mesi, allora i margini per investire sulla scuola si riducono di  molto, avvicinandosi allo 0%.Semmai la scuola dovrà dare il suo contributo per ” il risanamento economico” ( sono trent’anni che sento la stessa litania ). Quindi chiedo al Ministro: al momento dell’accettazione dell’incarico, lei conosceva questo quadro macroeconomico, che porta una società a vivere in un “eterno presente”. Pertanto cosa credeva o crede di poter fare? La risposta è semplice: confermare tutte le politiche di Mariastella Gelmini e nella peggiore delle ipotesi dare il suo avvallo per altri risparmi e tagli decisi dal vero Ministro dell’Istruzione: Saccomanni. L’unico impegno a Lei richiesto e concesso sarà quello di  spostare risorse dal capitolo x a quello y. Concludo con un consiglio: si dimetta, lo faccia, innanzitutto, per se stessa, dimostrando coerenza tra la sua “precisazione, non minaccia” e gli atti  e  poi per la scuola che non merita  altre parole in libertà e quindi ulteriori prese in giro. Grazie!!!