Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

Lo “sciroppo amaro” del merito

Da qualche giorno è iniziato il dibattito intorno alle linee-guida “La buona scuola”. La maggior parte degli interventi  riguardano argomenti e aspetti di per sé interessanti ( inclusione, valutazione e responsabilità )  che troverebbero spazio in qualche pubblicazione di pedagogia , ma che al momento lasciano molti miei colleghi e il sottoscritto indifferente. Spesso questo sentimento è sostituito dalla rabbia,  prodotta   dalla percezione di una strategia  governativa finalizzata al contenimento dei costi per l’istruzione. Insomma non riesco ad appassionarmi dietro le parole della valutazione, autonomia inclusione,  responsabilita ,  merito… Ho l’impressione che si parli di tutto questo per  distogliere l’attenzione dallo “sciroppo amaro” del merito e quindi renderlo meno indigesto. E mi spiego.  Su molti dizionari il merito rimanda al diritto a  una ricompensa in proporzione all’impegno e alla qualità dell’obiettivo conseguito. Ora di tutto questo nel documento “ La buona scuola” non c’è traccia. Anzi è significativamente presente la sproporzione tra l’impegno richiesto ( acquisizione di crediti didattici formativi e professionali ) e il riconoscimento economico ( 60€ netti ogni tre anni ).  Se venisse formalizzata questa   relazione asimmetrica ( impegno/riconoscimento ), allora consegnerebbe definitivamente il docente  a un profilo  a basso tasso professionale, caratterizzato dal volontariato  e dalla gratuità o quasi della prestazione lavorativa. Con l’aggravante di non ricevere integrazioni contrattuali ( il contratto nazionale rimarrà bloccato almeno fino al 2020, chissà poi… ) o risorse aggiuntive per anzianità ( gli scatti verranno aboliti ). Purtroppo questo profilo è già presente nella scuola, attraverso le tante attività di colleghi che decidono di “impegnare” il loro tempo a scuola a fronte di un riconoscimento economico non adeguato.  Ora, questa tendenza all’impegno quasi gratuito è ben conosciuto “ ai piani alti” di Viale Trastevere. Il documento “ La buona scuola” non fa altro che formalizzare ulteriormente questo  profilo. E di questo siamo responsabili anche noi docenti.