22 Febbraio 2021

Lucia Azzolina e la Dad, un accostamento fuorviante

By Gianfranco
Lucia Azzolina e la Dad

Lucia Azzolina e Dad. Separati in casa. Non è dello stesso parere il quotidiano “La Verità”

Lucia Azzolina e la Dad, qualcuno tenta far passare che quest’ultima è stata voluta tenacemente dalla Ministra pentastellata.
Non è così. Il nuovo governo dovrà ricorrervi.

Lucia Azzolina e la Dad, qualcuno scrive…

Lucia Azzolina e la Dad. Qualcuno vuole presentare la Ministra come una “pasionaria” della didattica emergenziale. Il quotidiano La Verita è convinto che la virtualizzazione della scuola italiana sia stata una scelta convinta della ex Ministra. Nell’edizione del 18 febbraio leggiamo il seguente titolo: Bocciata la scuola modello Azzolina. Rapido ritorno all’orario normale. Il sottotitolo chiarisce meglio “Il premier Draghi (nostra aggiunta) stronca la Dad, che ha fallito soprattutto al Sud, e annuncia che verranno recuperati i giorni persi.
Sarina Biraghi, autrice dell’articolo riprende molti passaggi del discorso di M. Draghi al Senato. Quello maggiormente significativo è la sua valutazione. “Un passaggio fondamentale del programma di mister Bce, che asfalta la scuola la scuola guidata dall’ex ministro pentastellato Lucia Azzolina e si concretizza in punti base che diventano rivoluzionari: dall’orario scolastico normale, anche su più fasce orarie, al recupero delle ore perse…”

Un matrimonio inesistente

Per chi non  ha seguito le vicende della scuola nel rapporto con la pandemia, si riceve l”impressione che Lucia Azzolina sia stata la più convinta sostenitrice della Dad, favorendo l’affermazione di un modello che punta alla virtualizzazione del sistema scolastico, con conseguenze sulla socialità e sugli apprendimenti degli studenti.
I fatti raccontano un’altra storia. Spesso le fake news si alimentano e si diffondono grazie alla memoria corta degli interlocutori. Lucia Azzolina non è mai stata sostenitrice della Dad. Lo dimostra il fatto che i 3/4 del sistema scolastico è in presenza. Avrebbe voluto la medesima sorte per  le secondarie di secondo grado. Purtroppo si è dovuta arrendere di fronte alla disorganizzazione dei trasporti. A ottobre si oppose duramente alla chiusura delle scuole e quindi al loro passaggio in Dad. Si legge su Affaritaliani.it : “”Mi è giunta voce che Lucia Azzolina abbia sbattuto i pugni sul tavolo”. Massimo Giletti a Non è l’Arena annuncia l’indiscrezione arrivatagli durante la pubblicità sul nuovo Dpcm sul coronvirus che il governo stava mettendo a punto in quegli stessi minuti. La ministra dell’Istruzione grillina, spiega il padrone di casa, “ha fatto una bella battaglia, vincendola. Alcune regioni volevano chiudere le scuole e lei ha detto no, si possono prendere in considerazione misure alternative come orari diversi ma non si devono chiudere. Una battaglia importante, perché le scuole non sono il futuro ma il presente di questo Paese”
Alla ex Ministra è imputata ogni criticità del sistema scolastico, come le difficoltà a garantire il distanziamento in classe. Ricordo che l’ostacolo maggiore è costituito dalle classi pollaio, votate nel 2008-09 da FI e dalla Lega Nord. Stesso discorso riguarda la polemica sui banchi a rotelle, voluti dai singoli istituti.

La continuità di Patrizio Bianchi

Al nuovo governo è richiesto un cambio di passo. Ovviamente anche la scuola è coinvolta in questa richiesta. Difficilmente  Patrizio Bianchi potrà fare diversamente, confermando la validità del cosiddetto modello Azzolina. Se alcune zone d’Italia (regioni o province) si coloreranno di rosso sarà inevitabile ricorrere alla Dad. E purtroppo sembra che si vada in questa direzione. I motivi sono i seguenti: il moltiplicarsi e la diffusione delle variabili, la loro maggiore esposizione  da parte degli alunni, l’assenza di un vaccino under 16, le criticità dei trasporti.
Sicuramente si tenterà di superare alcune criticità della gestione della pandemia da parte del Conte 2, difficilmente però potrà essere elaborato un modello che non faccia i conti con la convivenza del virus.