M. Salvini, annuncia una riforma della scuola. A quale punto del contratto pensa?

 

Matteo Salvini

Matteo Salvini annuncia l’ennesima riforma della scuola. Non è chiaro a quale punto del contratto pensa.

M. Salvini, il nuovo astro nascente della politica, ipotizza una nuova riforma della scuola. Rimane il dubbio a quale  punto del contratto di governo, pensa il leader leghista.  I timori sono tanti. Non dovremo però attendere molto.

M. Salvini, la sua riforma

M. Salvini, annuncia la sua riforma della scuola. Personalmente diffido degli annunci. Soprattutto se questi sono privi di contenuti. Infatti ha dichiarato” bisogna accelerare sull’attuazione del contratto di governo, chiedo di accelerare sulle cose: taglio delle tasse, riforma della scuola e della giustizia, autonomia.”
Innanzitutto non mi piace questo approccio trasbordante, eccessivo rispetto ai compiti istituzionali assegnati all’esponente leghista. Matteo Salvini, dimentica spesso  di essere solo il Ministro dell’Interno. A seconda dei casi, assume le vesti di Ministro della giustizia, dell’economia, dell’istruzione… Egli ha giurato come responsabile dell’ordine pubblico. Punto.
Detto questo quale riforma ha in testa M. Salvini.
Sicuramente M. Salvini intende realizzare l’autonomia differenziata. Ha ragione quando afferma che “bisogna accellerare sull’attuazione del contratto di governo” . Infatti si legge al punto 20 del suddetto documento: “sotto il profilo del regionalismo, l’impegno sarà quello di porre come questione prioritaria nell’agenda di Governo l’attribuzione, per tutte le Regioni che motivatamente lo richiedano, di maggiore autonomia in attuazione dell’art. 116, terzo comma, della Costituzione, portando anche a rapida conclusione le trattative tra Governo e Regioni attualmente aperte. Il riconoscimento delle ulteriori competenze dovrà essere accompagnato dal trasferimento delle risorse necessarie per un autonomo esercizio delle stesse. “

Dalle bozze si comprende meglio

L’obiettivo e meno lontano e più definito di quanto si pensi. E’ sufficiente leggere le bozze d’intesa con la regione Lombardia, Veneto dove emerge che le regioni avranno maggiori competenze nella gestione dei Dirigenti scolastici, dei docenti e personale Ata (varrà però per i nuovi assunti dopo l’approvazione del dispositivo), nella formulazione dell’offerta formativa, nella valutazione e nei progetti alternanza scuola/lavoro

M. Salvini, ma il contratto per la scuola dice altro

Il punto 20 non parla direttamente di scuola. Infatti riguarda ” Riforme istituzionali, autonomia e democrazia diretta”
Di scuola e solo di essa si parla al punto 22. Qui lo scenario cambia. Si parla di abolizione di classi pollaio e di superamento della L. 107/15. Le tematiche, però, sono più vicine alla sensibilità grillina. Infatti nel programma elettorale della Lega si ipotizzano piccoli ritocchi all’impianto della Buona scuola che riguardano la chiamata diretta e l’alternanza scuola/lavoro. In altri termini, si proseguirà nella strategia del cacciavite, già attuata in parte dal Ministro leghista M. Bussetti,  volta a  ottimizzare la riforma, ma non ad abolirla.
E l’abolizione delle classi pollaio? Potrà rimanere ferma nel binario morto per essere velocemente dimenticata. Strategia applicata in questi mesi dal Ministro Bussetti.
Non dovremo attendere molto per capire se la scuola verrà ascoltata sui temi a lei vicini o dovrà subire l’ennesima violenza!

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Riforma della scuola, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.