“Mazzate”! Anticipo dal Testo Unico


La condizione dell’insegnante è circondata da ambiguità, scarsa chiarezza delle sue funzioni e altro ancora. Il suo profilo oscilla tra il polo della professionalità e del suo ruolo strategico per il futuro del Paese e quello del babysistter dove la componente formativa evapora a tutto vantaggio di mansioni e ruoli di pura assistenza. Questa ambiguità continua nei tanti apprezzamenti e riconoscimenti espressi anche da personalità politiche, che però si rivelano vuoti, insignificanti in quanto non hanno positive ricadute nella vita concreta degli insegnanti.
In questa casistica non sfugge il nuovo Testo Unico per il pubblico impiego – insegnanti compresi, – verso il quale occorre nutrire diffidenza, perché sicuramente favorirà  un peggioramento delle nostre condizioni lavorative. Un esempio? Sembra dall’articolo pubblicato qui sotto che il Dirigente Scolastico potrà sospendere un docente fino a dieci giorni, senza doversi più preoccupare del rispetto dei termini del procedimento disciplinare.
Andando oltre questa novità, sicuramente peggiorativa, non è difficile cogliere lo scivolamento del  profilo giuridico dei docenti, verso contesti quasi totalmente privi di diritti a fronte di un aumento di disposizioni punitive che possono solo favorire una progressiva marginalizzazione dei docenti . Processo già avviato con l’accostamento alla categoria dei furbetti, degli assenteisti…. Tutto questo coesiste con i tanti elogi pubblicati ad esempio dai giornali, accostati paradossalmente alle lettere di tenere aperte le scuole d’estate a 35-40 gradi, o che esprimono  la  difficoltà a  comprendere  la lunghezza delle vacanze di Natale… Sappiamo benissimo che dietro queste richieste o perplessità esistono solo motivi di pura assistenza e vigilanza dei minori nell’arco  temporale nel quale gli adulti sono impegnati nel lavoro. Eppure continuano a elogiarci e a darci tante pacche sulle spalle, riempiendosi la bocca di parole quali “eroi”, ” gli insegnanti sono l’avanguardia democratica”…

Questa voce è stata pubblicata in Legge 107/05, Nuovo Testo Unico, Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.