Posted in: Cyberbullismo, Tutti gli articoli

Ministro, no allo smartphone in classe!


Sul portale Tuttoscuola.it è riportata un’intervista del Ministro Fedeli. Il titolo certifica il basso tasso di frequentazione  di un’aula del responsabile del Miur e quindi della scarsa conoscenza delle dinamiche e delle situazioni che possono innescare il fenomeno del cyberbullismo.  Mi riferisco alla possibilità di autorizzare l’uso degli smartphone in classe, superando il divieto imposto dalla Direttiva del 15 marzo 2007 e delegato alla definizione nel Regolamento d’Istituto.
Personalmente sono contrario all’uso dello smartphone in classe, perché questo “coltellino svizzero” aperto al web e in mano a ragazzi spesso estranei alla realtà e con scarsa attenzione verso l’altro possono scattare foto e realizzare video da inviare nel Web. Da qui poi, attraverso la condivisione, il prodotto non è più gestibile.
Qualora questo materiale diventi lo “start” per l’insorgere del cyberbullismo o del gromming ( adescamento online a sfondo sessuale ), quali comportamenti dell’insegnante saranno sanzionati dal giudice come omissivi, facendoli rientrare nella “culpa in vigilando”? Il confine è labile!
Tutti noi conosciamo, il Ministro probabilmente meno, come il “ludicismo” avvolga i pensieri e i conseguenti comportamenti dei nostri ragazzi e riduca la responsabilità del singolo. Recenti fatti di cronaca, come il ragazzo seviziato a Napoli con il compressore, fanno emergere un quadro più desolante: i genitori-sindacalisti dei propri figli talvolta sono complici di questi atti! Cosa pensare di fronte alla dichiarazione del padre e della  suocera videointervistati dal “Il Mattino che definiscono il “fattaccio” come uno scherzo senza malizia, considerando che il proprio ragazzo  non era a conoscenza degli effetti del compressore.
Sicuramente i problemi non svaniranno con il divieto dei telefonini, considerato il proliferare dei device ( dispositivi ). E qui subentra la professionalità dell’Amministratore di rete nella sequenza accreditamento, autenticazione e autorizzazione degli account. Spesso questa figura, almeno nella scuola primaria e secondaria di primo grado è la F.S. per le Tic.  Per inciso, quando il Ministro concretizzerà l’azione #27 del PNSD di introdurre anche per questi ordini di scuola il tecnico di laboratorio?
So di scrivere cose arcinote a chi frequenta le aule! Quindi prima di parlare, riflettiamo!