Nicola Zingaretti e l’ambiguità del termine “aumento”

Nicola Zingaretti

“Aumenterò lo stipendio agli insegnanti”Una dichiarazione inutile di Nicola Zingaretti,

Nicola Zingaretti ha iniziato al sua campagna elettorale. L’obiettivo è divenire il nuovo segretario del Pd. Ovviamente si rivolge agli insegnanti, utilizzando l’espressione “aumento” in modo ambiguo e senza tener presente il contesto.

Nicola Zingaretti e l’intervista

Nicola Zingaretti è uno dei candidati alla segreteria del Pd. Dopo Renzi e i suoi insuccessi,  che hanno prodotto una frattura tra il Pd e il mondo della scuola.
Ora per il Pd è necessario ricucire  il rapporto con  gli insegnanti. In tal senso va letta l’intervista di N. Zingaretti a E. Lucci conduttore della trasmissione su Rai2 Nemo-Nessuno escluso.
Quale sarebbe il tuo primo primo provvedimento come premier?
Aumentare gli stipendi agli insegnanti e tenere le scuole aperte fino alle 18 per non lasciare solo nessuno

Una dichiarazione “debolina”

Che dire? Dichiarazione “debolina”. Non poteva essere altrimenti. Le dichiarazioni, costrette dalle regole della comunicazione di massa  ad essere sintetiche e comprensibili a tutti, non possono andare oltre uno slogan, una frase ad effetto.  In un contesto postmoderno dove le parole hanno perso significato e solidità concettuale, la dichiarazione di Nicola Zingaretti non poteva differenziarsi e andare oltre.
Due rilievi. Il primo si riferisce all’espressione “aumento”. Che significa? Anche il recente contratto ha aumentato la nostra retribuzione. Infatti abbiamo mediamente 40-45 € in più rispetto al contratto del 2009. Un bell’aumento! Se lo rapportiamo, però alla vacanza contrattuale durata poco più di otto anni (2009-2018), allora il nostro aumento compensa in minima parte la perdita del potere d’acquisto.
Se fossi stato al posto dell’intervistatore avrei posto al candidato alla segreteria del Pd la seguente domanda:” Come intende superare il D.Lvo 93/29 che vincola gli aggiornamenti contrattali al tasso di inflazione?” Mi rendo conto, però che la  domanda era troppo tecnica e fuori luogo, rispetto alla regola  di una comunicazione comprensibile alla grande maggioranza delle persone.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Politica, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.