Omicidio clochard, una sentenza sconcertante

Omicidio clochard

Una vicenda chiara. Ma la sentenza sconvolge tutto!

Omicidio clochard, il giudice si è pronunciato. Sconcertante! Il senso di irresponsabilità avanza. Contemporaneamente anche il Nulla.

La vicenda non lascia dubbi

Omicidio di un clochard per noia. Si legge: “Nessuna condanna per i ragazzini responsabili della morte di Ahmed Fdil, clochard marocchino di 64 anni di Santa Maria di Zevio (Verona), morto carbonizzato il 13 dicembre del 2017 nell’auto che era anche la sua casa. Si sono presi gioco di lui, l’hanno bruciato vivo ma, al momento del delitto, uno ha 13 anni e quindi non è imputabile, l’altro ne ha 16 e la giudice Maria Teresa Rossi del Tribunale dei Minori di Venezia gli ha concesso la messa in prova per tre anni”

Una sentenza sconcertante 

Quindi tutti fuori! Senza parole! La vita umana, qualunque sia il colore della pelle e la condizione ha un valore immenso. Niente può giustificare la sua soppressione. Non parliamo poi della noia. Le conseguenze sono gravissime! Il Nulla ci sta guardando e inghiottendo dopo averlo osservato e corteggiato ( F. Nietzsche).

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.