Posted in: Recensioni, Tutti gli articoli

P. Sansonetti”La sinistra è di destra”

Il lavoro di Sansonetti, giornalista con esperienze significative come la condirezione dell’Unità e la direzione di Liberazione,  racconta l’esodo definitivo del Pd da Marx, Gramsci e altri padri nobili della sinistra verso posizioni  di accettazione del nuovo verbo economico. Questo si declina nell’assunzione simbolica e pratica della riduzione dei diritti sociali, a tutto vantaggio di un individualismo competitivo e meritocratico.
A parere dell’autore la sinistra, quella ormai liquida, ha assunto tutta la prospettiva berlusconiana che ha esaltato l’io, espellendo il “noi”. Quest’ultimo richiama  i legami forti della comunità, contrapposti a quelli “deboli” afferenti l’individuo e i suoi bisogni che difficilmente si coniugano con   l’egualitarismo formale e sostanziale. Questa migrazione della sinistra verso una prospettiva che non appartiene alla sua storia  è il risultato, secondo Sansonetti, della presa del potere degli “stalinisti”, cioè di coloro che mettono in primo piano il potere e meno i diritti sociali.
Libro coraggioso, chirurgico ( preciso nell’analisi ), capace di interpretare i movimenti, meglio gli smottamenti della sinistra  verso posizioni vicine al pensiero di Nietzsche e Heidegger. La tesi dell’autore è accompagnata dalle “finestre argomentative ” dedicate a personaggi come Veltroni, Napolitano, Prodi, Renzi  e non ultimo  Scalfari – fondatore del quotidiano “la Repubblica”.  La stessa struttura formale del lavoro, sempre “partecipata”, si presta ad essere letto da un ampia platea.