Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Il PD. Il tramonto del futuro!

L’Istituto Nazionale di Ricerche Demòpolis ha reso noto un dato allarmante: sempre più il Pd è un partito per i “meno giovani”! La base elettorale del Pd, infatti,  si presenta con questi valori: solo 16% degli under 45 dichiara di votare per il partito di Renzi. Ovviamente a questo dato deludente si contrappone quello più rassicurante, e nello stesso tempo più preoccupante: il 40% della popolazione meno giovane dichiara di simpatizzare per il Partito Democratico.
Alcune considerazioni. Il Pd sembra essere diventato il partito del presente,  della difesa dei diritti acquisiti. E il futuro? Dimensione,  prospettiva incarnata in molta parte di quel 16% , pare aver salutato il partito del quarantenne toscano – ironia della sorte. Il divorzio che si sta consumando, tra il partito erede del Pci e la sua storia, sembra non interessare i suoi responsabili. Lo smottamento assume le caratteristiche di un “#cambioverso” storico, rispetto a quanto scritto da Marx, Gramsci e  Bloch, “padri” della relazione teoria-prassi, che puntavano al superamento dell’esistente, del già conosciuto, coerentemente con l’impianto idealistico di Fichte, Hegel, Gentile… La loro dimensione naturale era il futuro, la non accettazione della “datità”, intesa come un prodotto immodificabile, naturale. Tutto questo oggi si declina nell’accettazione acritica della cosiddetta sinistra europea, di cui fa parte il Pd, delle “lezioni” del “finanzcapitalismo” ( L. Gallino ) che prospetta la “fine della storia” ( Fuyuama ) con l’affermazione del superamento del’età dei diritti sociali ( N. Bobbio ). In questo quadro è da ricercare la causa della diaspora della componente giovane della popolazione italiana dal PD. Una generazione sempre più caratterizzata da “passioni tristi” ( B. Spinoza ), sta voltando le spalle al Pd e in generale alla sinistra. E questo sicuramente apre prospettive inquietanti, non ultima la rivolta dei popoli ( populismo )  che in  un rapporto basso/alto ( Cfr, M. Revelli, Populismo 2.0, Einaudi, Torino, 2017),   punta il dito contro una classe politica incapace di uscire dalla “gabbia dorata”, presentata come il migliore dei mondi possibili ( Jobs act, La Buona Scuola…).