Pensione quota 100 elaborazione Snals

 

Pensione quota 100

Pensione quota 100, finalmente dei dati sui quali ragionare.

Pensione quota 100  il sindacato SNALS ha elaborato un’ interessante tabella ad hoc per il comparto scuola. Chi è interessato e si trova quasi “fuori dall’uscio” può fare le considerazioni e le riflessioni sul suo futuro.

Dopo tanto parlare, finalmente abbiamo dei numeri sui quali ragionare.
Ovviamente occorre poi aggiornare la tabella, in relazione a quanto sarà proposto nella Legge di Bilancio ( ad esempio eventuali ulteriori penalizzazioni).
Una considerazione. Chi deciderà di anticipare il suo “saluto alla scuola” perderà mediamente tra il 10% e il 20%, rispetto alle regole della legge Fornero. 
Si legge:
Il calcolo è stato fatto tenendo conto di una anzianità utile a pensione alla data del 31.12.1992 di 11 anni e 4 mesi che permette di avere i 38 anni alla data del
31.08 2019.
Situazione che contemplando in tale anzianità anche il riscatto del periodo di 4 anni della laurea fa si che i docenti della scuola media e del superiore alla data del
31.08.2019 percepiscano uno stipendio corrispondente alla classe 28 e pur avendo 38 anni di servizio non hanno ancora raggiunto la classe 35.
 Anche i D.S.G.A. a causa dell’inquadramento al 1‐09‐2000 alla data del 31.08.2019 percepiscono uno stipendio corrispondente alla classe 28.
 Si è considerato che ai fini della buonuscita tutti i periodi sia utili ai fini dell’IBU o siano stati riscattati.
 Calcoli effettuati con il nostro programma pensioni inserendo manualmente le cifre dei nuovi stipendi.
 I coefficienti di trasformazione utilizzati sono quelli già inseriti nel programma 2016/2018.
 Gli importi della pensione sono stati calcolati senza nessuna penalizzazione e secondo la normativa vigente.”
Tabella esplicativa

Questa voce è stata pubblicata in Pensione e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.