PNSD. Una nave alla deriva?


Il PNSD  ha visto la luce  nel novembre 2015 con la procedura di individuazione e nomina di 8.303 animatori digitali. Dopo qualche mese è stato costituito il Team per l’Innovazione. Subito sono nati sui media sociali gruppi, pagine e anche dei siti “ingolfati” di riflessioni, di qualche esperienza e di condivisione di software… Era prevedibile, visto l’entusiasmo iniziale dimostrato per l’iniziativa.  Con il passar del tempo, però l’entusiasmo ha progressivamente lasciato il posto ad un sano e pessimistico realismo che ha portato ad un silenzio assordante nelle pagine, e nei gruppi social. Meno nei siti dove spesso si presentano realtà e scenari distanti dalla realtà di molte scuole.
I primi scricchioli ufficiali si sono registrati con il bando relativo agli atelier. Scrivevo qualche mese fa ” In questi giorni sono stati pubblicati gli elenchi delle scuole  che hanno acquisito il diritto ad  accedere ai 28 milioni ( massimo 15.000 € per istituto )  per rinnovare gli spazi didattici nella scuola del primo ciclo.

Complimenti alle scuole!
Sinteticamente vorrei esprimere una considerazione su un numero, che poi in rapporto rimanda a una percentuale.
Nel novembre 2016 erano stati nominati 8.303 Animatori Digitali ( “Un AD in ogni scuola”) . Praticamente si era riusciti a coprire quasi tutte le scuole con un AD. Poi sono arrivati i 25.000 componenti del Team per l’Innovazione. E fin qui tutto ok!
Ora però leggiamo su OrizzonteScuola.it che i progetti presentati sono stati oltre 3.400. Se teniamo conto un progetto per scuola,( quelle primarie e secondarie di primo grado sono 5709 )  abbiamo questa percentuale: solo il 59-60% degli istituti ha risposto al bando!* Questo è il dato più significativo e che contraddice i toni trionfalistici del Miur!”
Qualche settimana fa ho pubblicato un articolo  dove evidenziavo la scarsità dei resoconti  2016 degli AD depositati nei siti delle scuole. Al momento non sono presenti quelli relativi all’anno scolastico che si sta concludendo. Almeno io non li ho trovati!
L’altro giorno da una prospettiva diversa L. Fiorini ha pubblicato una riflessione molto onesta, dove evidenzia alcune criticità del Piano. Tra l’altro si legge con riferimento alla pagina Miur dedicata al PNSD ” 
Ma poi qualcosa scricchiola. Il lettore attento troverà indicatori di quanto scrivo: alcune iniziative (School Kit) sono ferme al 2016, altre hanno risorse disponibili pari a zero. Il calendario dell’Agenda è vuoto.
Tralascio alcune perle, come la sezione OER Azione #23, dove si linkano alcuni esempi con alla base software proprietari. Ma questa è un altro nodo su cui ragionare e scrivere. L’openness non può essere solo dichiarata: è un precipitato etico costante.
La sezione più popolata è quella in HomePage, dove sono pubblicati i bandi e linkati alcuni eventi. Non ho trovato, ma se fosse presente in qualche cassetto che non ho aperto mi scuso in anticipo, nessun elemento informativo, quantitativo e qualitativo, dell’andamento delle azioni, del progredire del Piano.”
I motivi di questa debacle? Sinteticamente. La mancanza della prospettiva del Piano, corsi di formazione mal organizzati e comunque attenti prevalentemente alla presentazione di software, piattaforme…, scarsa capacità di coinvolgimento degli AD, resistenza passiva dei colleghi al Piano, inadeguata strumentazione in dotazione alle scuole e insufficiente potenza del segnale per il collegamento nel Web…, compenso irrisorio o nullo per gli AD e Team per l’Innovazione… 
Potrei continuare, ma mi fermo qui.
Ed ora il Miur organizza un Convegno ( 26 luglio- Roma) per individuare il percorso per il nuovo anno.  Scorrendo i relatori, saranno presenti esperti, politici, ma non Animatori Digitali o componenti di Team per l’innovazione di Istituti Scolastici. Non è un bel segnale! Si conferma la consuetudine che vede sul palco illuminato dai riflettori, persone che poco hanno a che fare con la quotidianità didattica.
Chiedo: si parlerà dei massimi sistemi o della situazione reale del PNSD? In quest’ultimo caso su quali dati o informazioni? Forniti da chi?  Dagli AD? Se fosse vera quest’ultima ipotesi, si conferma che gli insegnanti sono solo portatori di numeri, lasciando poi ai grandi luminari le luci della ribalta.
Staremo a vedere e soprattutto speriamo di leggere  le profonde riflessioni di questi esperti fuori aula, probabilmente i soli rimasti a governare una nave  ( PNSD) senza marinai ( AD e Team per l’innovazione). 

Questa voce è stata pubblicata in PNSD, Tutti gli articoli. Contrassegna il permalink.