Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

Presidente Renzi, ci stupisca!!!

Dopo la lettura del documento  sulla “ Buona Scuola” , provo solo disagio e tanta rabbia!!! La riforma che doveva stupirci, meravigliarci è solo un insieme di copia/incolla di tante pubblicazioni psicopedagogiche. Ma a parte questo, il documento è pervaso da “indicazioni” su come dovrà esprimersi la nostra professionalità. Questa dovrà essere certificata da  una serie di  “ nuove” attività e azioni didattiche, formative e professionali  . L’aggettivo nuove l’ho messo tra parentesi. Questo è il messaggio che ho colto, leggendo la parte dei crediti. Sembra quasi che in questi anni gli insegnanti abbiano fatto altro. Eppure Renzi, dovrebbe chiedersi perché la scuola dell’infanzia e primaria sono ancora il fiore all’occhiello del nostro sistema formativo. Ritiene forse che gli alunni riescano  a conseguire buoni risultati perché inseriti in  contesti di autoapprendimento, nei quali l’adulto presente – l’insegnante – svolga solo compiti di vigilanza e assistenza ? Mi spiace smentirla Presidente Renzi, non è così. Da sempre la maggior parte degli insegnanti  svolgono una funzione di facilitatori nel processo di apprendimento, proponendo una didattica curricolare e progettuale di qualità, supportata da un robusto bagaglio culturale e professionale, acquisito spesso in condizioni non ottimali – corsi di aggiornamento pomeridiani – e  pagati di tasca propria… Le sue “indicazioni” le percepisco  esclusivamente nei suoi aspetti quantitativi. In altri termini, intende finalmente  farci lavorare , come se in classe  finora siamo entrati   solo per leggere il giornale o per sbrigare qualche nostra faccenda personale. Mi creda noi insegnanti abbiamo tanta PROFESSIONALITA’ da presentare a lei e ai suoi “esperti di scuola” che probabilmente da anni non frequentano un’aula. Ci stupisca, invece,  Presidente Renzi firmi un contratto che riconosca tutta questa professionalità non valorizzata – leggo da un dizionario: valorizzare significa  far aumentare il valore economico di qualcosa o qualcuno –   in questi ultimi anni e mantenendo  per tutti gli scatti di anzianità.  Ci stupisca, Presidente Renzi: rompa con il recente passato, che si chiama Gelmini, Tremonti e Brunetta che percepivano la scuola come uno “spreco” o i suoi lavoratori come dei “ fannulloni” da punire,  ripristinando  Il tempo pieno con la grande risorsa delle compresenze ( legge 820/71) e i moduli ( legge 148/90 ). Le ricordo, Presidente Renzi, che queste riforme hanno consentito alla scuola primaria italiana di essere apprezzata nei contesti internazionali, anche per il suo carattere inclusivo.  Ci stupisca, ancora Presidente Renzi, restituendo alla scuola almeno il 30% degli otto miliardi, prelevati forzatamente dalla coppia Tremonti-Gelmini ( 2009). Ci stupisca, infine, proponendo a chi intende lavorare di più nella scuola – io sono tra questi – un  riconoscimento adeguato all’impegno che non può essere la  misera somma di 60€.  Conludo: per una  “ Una Buona Scuola” occorre avere “ insegnanti motivati ”. Diversamente non si va da nessuna parte. Si resta, nella migliore delle ipotesi fermi E questa non è una buona notizia per un Paese che non è stata benedetto dalla natura con risorse come il petrolio o l’oro. Il suo petrolio è la conoscenza!!! La sua mancata valorizzazione ci obbligherà ad osservare gli altri paesi dalle ultime fila.