Posted in: Tutti gli articoli

Programma scuola Pd, “Avanti”,quindi…

Programma scuola Pd
Un programma tutto “Avanti”. C’è poco di “indietro”

Programma scuola Pd, può essere sintetizzato nell’avverbio di luogo “Avanti”. Quindi nessun ripensamento, solo generici impegni. Eppure, bastava fermarsi e volgersi “Indietro” e proporre…

Partiamo dalla fonte

Programma scuola Pd, per formazione culturale sono abituato a cercare le fonti. In questo periodo diverse testate online “presentano” i programmi elettorali dei partiti. Non sempre riportando la fonte, ma frapponendosi tra il lettore e il documento. Oggi questo si definisce con il termine di intermediazione.
Detto questo qui  è possibile consultare in modo analitico il documento “Più forte, più giusta. L’italia“. Per chi invece preferisce la sintesi qui è disponibile la corrispondente versione.

Programma scuola Pd

Si legge nel documento analitico ( pag. 37) ”
ripensare l’organizzazione della scuola dando spazi e
tempi adeguati alla continuità e alla flessibilità dei processi
di apprendimento;
• promuovere l’innovazione didattica e metodologica, sviluppando
competenze che consentano agli studenti di
essere aperti all’apprendimento permanente;
• sostenere l’apprendimento trasversale e digitale;
• promuovere l’orientamento per sostenere
gli studenti nei momenti di scelta e transizione,
a partire dal primo giorno di inserimento
nell’ambito scolastico;
• ridefinire gli obiettivi e le modalità di attuazione concreta
dell’alternanza-scuola lavoro;
• potenziare l’offerta di tempo pieno nelle
scuole elementari, portando in particolare i
livelli del Mezzogiorno a quelli medi del Centro-Nord.

Qualche considerazione

Non ho riportato la parte precedente, caratterizzata da quello che si è fatto, dove constatemente si fanno gli elogi della “Buona Scuola” e dei decreti attuativi. Quindi  indietro non  si torna! In altri termini: si guarda “Avanti, perchè l’Italia non si ferma”, confermando il titolo del libro di M. Renzi, pubblicato questa estate e dal sottoscritto analizzato
Eppure per realizzare il “programma”, caratterizzato dall’inclusione, era sufficiente fermarsi e “volgere lo sguardo indietro” esplicitando l’impegno ad abolire le classi pollaio (D.M.81/09), aberrante organizzazione voluta dal duo Gelmini-Tremonti, “peggiorate” da M. Renzi con quelle da me definite “superpollaio ( Legge di stabilità 2015).
La rimozione di questi due corpi estranei (imposti dal finanzcapitalismo) dalla scuola, sono le condizioni indispensabili per realizzare una scuola a misura di studente
A questo aggiungo che il potenziamento dell’offerta del tempo pieno nelle scuole primarie ( non più elementari)  non può essere ridotto ad una questione di numeri. Il tempo pieno deve essere riportato allo spirito della sua legge istitutiva (n°820/71) che aveva istituzionalizzato le compresenze (abolite sempre dal duo Gelmini/Tremonti) e stabilito che il “numero massimo di alunni che possono essere affidati ad un solo insegnante non può essere superiore a 25 anche ai fini delle attività integrative e degli insegnamenti speciali di cui all’art. 1″(art. 12 L.820/71).

Conclusione

In sintesi quindi: un programma generico e coerente con la postmodernità che ha fatto del futuro il suo paradigma. Una prospettiva, però,  senza ripensamenti,  senza “un controllo sulle decisioni prese”. Il principio della realtà che si basa sull’attuazione e verifica dei provvedimenti, è sostituito da quello dell’ideologia  del “correre avanti, senza fermarsi a pensare”.  Apparentemente l’affermazione è in contrasto con il tramonto delle “grandi narrazioni” ( cristianesimo, marxismo). Eppure come sostiene il filosofo D. Fusaro siamo di fronte al periodo più ideologizzato di sempre, caratterizzato dalla “fretta”, dal “correre avanti”, da “un tempo senza tempo“.  Verso dove? Questa è la domanda, consapevoli che abbiamo di fronte il NULLA, costituito dall’assenza della riflessione sul presente,  e dal futuro supportato da imprecisate ipotesi .