Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Ragioniamo sulla Grecia

grecia-euro

Forse oggi si decide il futuro della Grecia. E’ dal 2009 che questo Paese vive nell’occhio del ciclone, soprattutto per errori suoi  come ad es. aver  contraffatto  i  dati economici  per entrare nell’ Unione Economica Europea.
In questi sei anni la Grecia ha ricevuto diversi prestiti dal FMI e dalla Banca Centrale Europea. In economia, però, sappiamo che non esistono organizzazioni filantrope. Vige il principio ben sintetizzato nel “do ut des”. In altri termini e contestualizzato significa: “Io creditore ti presto i miei risparmi, ma tu me li devi restituire con x interessi. E per essere sicuro che questo avvenga, tu devi portare avanti una serie di riforme” ( parola magica che spesso significa contrazione di diritti ). Quindi al creditore non interessa nulla se la Grecia si risolleva. E’ poco preoccupato della vita della gente comune, delle vittime che lascerà per strada per via delle “Riforme” proposte  E’ solo concentrato sul rapporto investimento/rischio. E’ impegnato a ridurre i rischi di insolvenza, non importa attraverso quale pacchetto riformistico. L’importante è il rientro del capitale investito, ovviamente gonfiato dagli alti interessi in rapporto al grado di rischio dell’investimento.   Scriveva N. Macchiavelli ” Il fine giustifica i mezzi”.
E’ il caso di “snocciolare” qualche numero,  meglio percentuale, rilevando  la “macelleria sociale” che sta subendo la Grecia. Ci troveremo anche delle analogie, non così drammatiche, con il nostro Paese:
contrazione dei salari ( – 37% ), delle pensioni ( – 48% ), dei consumi ( – 33% ) riduzione del personale statale ( -30% ), aumento della disoccupazione ( + 27%), e aumento vertiginoso del debito pubblico ( + 180% ), dovuto quest’ultimo al debito privato ( Cfr A. Bagnai, “Il tramonto dell’Euro” Imprimatur, 2012 ).
Ed ora, questa ricetta, sanzionata come strategia fallimentare dal FMI ( 2013 ), che in regime di cambio fisso scarica l’impossibilità di svalutare per rilanciare l’economia sui salari e lavoro, è proposta nuovamente. E’ difficile dire cosa fare. Sicuramente l’accettazione del nuovo prestito e quindi delle condizioni di rientro del capitale prestato consolideranno quella condizione di “Buio totale” nel quale la Grecia si è infilata e dal quale è assente qualunque “uscita di sicurezza”, punto di luce che lasci sperare per il futuro.