Posted in: Scuole, Tutti gli articoli

Riapertura delle scuole superiori il 14 dicembre? E’ un anno incerto

Riapertura delle scuole superiori
Riapertura delle scuole superiori il 14 dicembre o il 7 gennaio? Altro dubbio che aumenta l’incertezza.

Riapertura delle scuole superiori il 14 dicembre? E’ l’intenzione di G. Conte per dare un segnale di ritorno alla normalità. Diversi sono i dubbi. Resta il problema dei dati che conferma lo stato d’incertezza che caratterizza la scuola e non solo.

Riapertura delle scuole superiori. La dichiarazione di G. Conte

Riapertura delle scuole superiori. Conte ha dichiarato che intende far rientrare i ragazzi a scuola prima delle vacanze natalizie. Il premier ha già una data: lunedì 14 dicembre. Quanto dichiarato è in contrasto con quanto aveva detto qualche giorno fa: “In aula dal 7 gennaio, poi non si chiude più”
Non si comprende il senso di questa eventuale decisione. Il premier ha risposto che  intende dare un segnale di ritorno alla normalità ai nostri ragazzi. Il rientro in classe sarebbe ovviamente alleggerito dell’apporto didattico. Praticamente nullo, a sette giorni dall’inizio delle vacanze. Tenendo presente, inoltre che si sono chiuse le scuole per le criticità nei trasporti, si rischia di pagare a caro prezzo questo ritorno con un nuovo picco di contagi prodotto anche dall’aumento dei viaggiatori per gli acquisti natalizi.

L’incertezza che circonda la scuola

Detto questo resta l’interrogativo: si apre il 14 dicembre o il 7 gennaio? Occorre dire che l’avanzamento e il l’arretramento sulle decisioni (anche solo a livello di ipotesi) esprimono il grado di incertezza che caratterizza questo periodo, aumentato anche dalla mancanza di dati.
La pandemia, inoltre è un processo dinamico caratterizzato dal saliscendi dell’indice di contagio. Ne consegue che ogni decisione è soggetta ad aggiornamento, integrazione…
L’incertezza però è alimentata anche da messaggi contraddittori. Il cts afferma che la scuola non incide in modo significativo sui contagi. La Commissione europea, invece, dichiara “Al fine di ridurre i rischi di trasmissione nel periodo che segue la stagione delle festività, si invita a valutare di allungare le vacanze scolastiche”
Concludendo, l’interrogativo sulla sicurezza delle scuole rimane e finché non si avranno dati certi resterà senza risposta. E questo riguarderà anche il quesito sulla riapertura degli istituti superiori. Solo i dati possono dare certezza su quanto incide la scuola e quanto i trasporti sui contagi.