Rientro a scuola, le mascherine diranno molto

Rientro a scuola con mascherine

Rientro a scuola, l’importanza del tipo di mascherina che il personale scolastico adotterà dirà molto .

Rientro a scuola, si parla tanto di banchi monoposto. Poco delle mascherine. Eppure Il tipo di Dispositivo di protezione individuale dato in dotazione al perdonale scolastico dirà molto sul grado di attenzione dell’Amministrazione nei confronti dei suoi dipendenti.

Rientro a scuola, si parla tanto di banchi monoposto

Rientro a scuola, in queste ultime settimane l’attenzione si è concentrata sulla fornitura dei banchi monoposto. Molti hanno ritenuto che nessuna azienda o  consorzio può produrre quasi tre milioni in un periodo molto breve (tre settimane) e in agosto. Ieri il Ministro Azzolina e il commissario straordinario Domenico Arcuri hanno annunciato  che il bando per la fornitura non è andato deserto. Quest’ultimo ha dichiarato: “Sono state presentate 14 offerte, un risultato ritenuto soddisfacente – spiega la nota dell’ufficio stampa del commissario straordinario – . Oltre alle imprese italiane, tra i proponenti vi sono anche aziende estere. La Commissione giudicatrice si è subito insediata e si è messa al lavoro per poter aggiudicare la gara entro il 12 agosto, come previsto dal bando”

Le mascherine diranno molto agli insegnanti

In questo contesto le mascherine hanno subìto un declassamento. A mio parere, invece, possono fornire un messaggio implicito molto chiaro agli insegnanti e in genere a tutto il personale scolastico.
La mascherina è un Dispositivo di protezione individuale (Dpi) ritenuto dal Cts non necessario per i piccolini della scuola dell’infanzia. La loro presenza, invece, è incerta per gli allievi della scuola primaria. Obbligatorio il loro uso per i gradi successivi.
Gli insegnanti e il personale scolastico, in genere, indipendentemente dal tipo di scuola nella quale lavorano, dovranno indossarlo sempre.
In questi mesi abbiamo appreso che nel nostro caso  esistono i seguenti tipi di mascherine:
1) Mascherine chirurgiche
2) Mascherine  FFP1, FFP2, FFP3)
Le prime di color azzurro sono le più diffuse, anche perché più economiche. Queste proteggono gli altri da possibili nostre infezioni. Quindi ottimo il filtraggio dell’aria in uscita, meno quello in entrata. Non a caso sono chiamate anche mascherine altruiste.
La seconda tipologia di mascherine accompagnate dalla sigla FFP (filtranti facciali per la protezione individuale) hanno un altro tipo di efficacia, Proteggono anche chi le indossa. Il numero (1,2,3) definisce il grado di protezione. Ovviamente la perfezione o quasi (98%) di copertura è offerta dall’ultima.
Fatta questa doverosa premessa, nelle linee guida generali  (28 maggio 2020) e  in quelle per i piccolissimi (0-6) si citano quelle chirurgiche (azzurre?). Il protocollo sicurezza (6 agosto 2020), invece, non le cita, limitandosi a fare riferimento alla valutazione del rischio e ai documenti del Cts.
Mi auguro che tutto il personale scolastico sia dotato delle mascherine FFP3 (massima protezione). Sarebbe un bel segnale di attenzione verso il lavoratore (D.Lg 81/08), esposto per molte ore a un possibile contagio, tenendo presente che il 33% degli insegnanti (over 55) rappresentano soggetti ad alto rischio.