Posted in: Legge 107/05, Opinioni

Salvatore Giuliano, l’ambivalenza di una scelta

Salvatore Giuliano
Una scelta incomprensibile. Un brutto esempio di strategia politica.

Salvatore Giuliano, Dirigente Scolastico a Brindisi, possibile Ministro dell’Istruzione?
Molti dubbi! Quando tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare!

Salvatore Giuliano, una scelta non organica

In queste ore la scuola è in fermento. Fa discutere la scelta del M5S di destinare al Miur S. Giuliano. L’errore strategico, che potrebbe  voti, è di comunicazione e di sostanza. Le due dimensioni sono intrisecamente legate.  Risultato: la confusione regna soto il cielo!
Non si comprendono i criteri che hanno convinto l’On. Di Maio a scegliere una personalità, che sta contribuendo a migliorare il suo Istituto, ma che ha purtroppo uno “scheletro nell’armadio”: aver contribuito ad elaborare la Buona Scuola. E questo lo rende poco affidabile, estraneo rispetto al programma della scuola del Movimento.

I fatti

Come sempre, riporto alcuni fatti.
Ha dichiarato M. Renzi: “Salvatore Giuliano è un nostro amico, è un consulente della Giannini e della Fedeli. È un preside, anche bravo, che ci ha aiutato a scrivere la riforma della Buona scuola. In tanti momenti, anche di polemiche e insulti, lo ricordo darmi il sostegno pubblico: “presidente sono con lei, vada avanti”.
Nel 2015 il Preside era entusiasta delle politiche renziane sulla scuola.
L’ex Ministro Giannini, fissa il suo impegno organico con la “Buona Scuola” al 2016.

E potrei continuare.
L’altro giorno (1 marzo) il candidato ha dichiarato all’Aria che tira che la “Buona Scuola non va abolita, ma solo superata e migliorata” . Affermazione contradditoria, come è possibile mettere d’accordo le espressioni “Non va abolita”, con  “ma solo superata”, mi riesce difficile comprenderlo.

Una buffa e impacciata toppa

Subito dopo il Preside ha rettificato e chiarito la sua posizione, confermando una certa ambiguità:
“Buona Scuola? Tutta da buttare e da riscrivere da capo. Alle assunzioni fatte, e che restano, ne faremo altre. Ci tengo a far sapere inoltre che mi sono dimesso dal sindacato ANP il giorno successivo alla dichiarazione avvenuta in un convegno, dove ANP utilizzava il termine “docente contrastivo” con riferimento ai docenti contrari alla buona scuola. La buona scuola è un provvedimento disastroso, che ha distrutto la vita di migliaia di insegnanti. Le mie parole sono state strumentalizzate”.

Una proposta, forse tardiva

Considerata la bufera, era auspicabile una rinuncia al potenziale incarico. E questo avrebbe azzerato le polemiche . Nulla è perduto! Si può sempre rimediare. Forse!  Sicuramente questo condizionerà il voto di oggi. Difficile quantificarne l’effetto. Occorre partire dal 97% degli insegnanti contrari alla “Buona Scuola” dichiarato da M.  Renzi Percentuale sicuramente preoccupante!
Non si comprende perchè la scelta non sia ricaduta su Laura Granato, da sempre contro “La Buona Scuola”. Sarebbe stata una scelta coerente e organica rispetto al programma.