Sciopero nella scuola, i sindacati ripetono lo stesso copione

Sciopero nella scuola

Sciopero nella scuola. Riuscirà a conseguire il suo obiettivo? Forti perplessità

Sciopero nella scuola il 17 maggio 2019. I sindacati tornano a minacciare il governo utilizzando un’arma ormai inefficace, ma non inutile.

Sciopero nella scuola, riprende il canovaccio del sindacato

Il 17 maggio sarà sciopero nella scuola! Passaggio inevitabile dopo il tentativo di conciliazione. Solita soluzione! Solito canovaccio del sindacato, incapace di pensare a strategie diverse.
Gli obiettivi comunque sono: fermare il progetto di frammentazione del sistema scolastico, avviare la vertenza contrattuale e costringere il governo a trattare il tema dei precari.
Quindi riprende la sceneggiatura sindacale.
Approfondiamo la situazione concentrandoci soprattutto sulla vertenza contrattuale, consapevole però che questo elemento non può essere disgiunto dal quadro d’insieme
Un anno fa e dopo quasi un decennio, i sindacati hanno firmato una miseria di contratto, anticipato da una intesa (30 novembre 2016), attribuendosi un merito infondato. La trattativa contrattuale fu riattivata, infatti, grazie a una sentenza  (178/15) della Massima Corte che sancì l’incostituzionalità del prolungato blocco contrattuale.

Si riparte dal “buon punto di partenza”

I sindacati si congedarono da quella trattativa dichiarando “il rinnovo del contratto è un passo in avanti, concreto e importante, nel percorso che ci vede impegnati a garantire la giusta tutela delle condizioni di lavoro nel comparto istruzione e ricerca e una
più adeguata valorizzazione di tutte le professionalità.” Più chiara e meglio interpretabile la dichiarazione di Sinopoli (Sinopoli flc-cgil): “ovviamente non è un contratto che risolve tutti i problemi, ma sicuramente è un buon punto di partenza”.

Brevissime considerazioni

Difficile condividere il pensiero di Sinopoli su quest’ultimo aspetto, considerati gli aumenti previsti dalla Legge di Bilancio 2019.
Dispiace scriverlo, ma  lo sciopero è un’arma spuntata. Non serve, se si considera la situazione di blocco, imposta dal D.lv0 29/93 che impone rinnovi contrattuali non superiori al tasso di inflazione programmata. I sindacati hanno espresso una sostanziale debolezza, direi un impegno vicino allo zero per un suo superamento. Medesima situazione si è ripetuta nei confronti del   Decreto Brunetta (2009).
Ogni volta presentano scenari irrealizzabili, supportati in questa operazione dal nuovo governo ( Letta, Renzi, Gentiloni, Conte ), dalle parole al vento del Ministro dell’istruzione di turno (Carrozza, Giannini, Fedeli, Bussetti) o di qualche esponente politico come Luigi Di Maio (gennaio 2018).
Lo sciopero, inoltre è inefficace grazie alla legge di regolamentazione del diritto allo sciopero (146/90)  che fu implicitamente sostenuta dai sindacati in prospettiva anti Cobas. Intesero punirli per il risultato ottenuto: l’ultimo aumento contrattuale significativo del 23% (1988-90).
Pertanto non illudiamoci! Lo sciopero serve solo ai sindacati, per certificare il loro peso specifico di rappresentatività. Dispiace che questo avvenga sulla trattenuta del docente che aderisce allo sciopero.

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.