Posted in: Opinioni

Scuola, i passaggi storici della mutazione a favore del Mercato

Scuola e Mercato
La scuola sempre più vicina alle esigenze del liberismo economico. Tutto ebbe inizio…

Scuola e Mercato, le idee per diventare realtà necessitano di atti e decisioni. Un elenco analitico del progressivo smottamento del sistema scolastico.

Scuola e Mercato, un interessante report

Scuola e Mercato, non è una chimera o un semplice ragionamento filosofico. Intorno al sistema scolastico si sono create le condizioni per l’affermazione di una scuola attenta alle richieste del liberismo economico.
Propongo un interessante Report. Sicuramente di parte, utile comunque per farsi un’idea da integrare con altre fonti.
Tutto inizia nel lontano 1989 con “L’European Round Table of Industrialists (ERT), potente lobby di industriali europei che ha grande influenza ed entratura presso la UE, pubblica “Istruzione e competenza in Europa”, in cui si sostiene che l’istruzione e la formazione sono investimenti strategici per la competitività europea e per le imprese, ma gli insegnanti «hanno una comprensione insufficiente degli affari e del profitto, e non capiscono i bisogni dell’industria“. Il suo punto più alto è la   la Buona Scuola renziana (Legge 107/15). L’ultimo aggiornamento è rappresentato con il  “rafforzamento della didattica laboratoriale in dialogo con il mondo del lavoro è una richiesta espressa anche nelle Country specific recommendations della Commissione europea all’Italia, essendo considerato uno degli strumenti più efficaci per la riduzione della dispersione scolastica (obiettivo della Strategia Europa 2020)». Il documento rappresenta un’ulteriore conferma del ruolo ideologico assegnato al linguaggio pseudo-progressista con cui si è giustificata e legittimata la professionalizzazione delle conoscenze in competenze e la trasformazione/dissoluzione del sistema di istruzione in agenzia di formazione a partire dalla Riforma Berlinguer”