Scuola, la legislatura inizia male!

Scuola

La legislatura appena nata dà un pessimo segnale: la scuola è poco interessante!

In campagna elettorale si è tanto parlato di scuola. Troppo! Ora però dopo tante chiacchiere, il palcoscenico torna ai fatti. E purtroppo si hanno solo pessime conferme.

Scuola, di nuovo  “quasi” dimenticata

Come sempre contano i fatti. Le parole, le dichiarazioni sono leggere! Volano via facilmente. Al loro posto subentrano le decisioni, gli atti.
Bene, in questo avvio di legislatura e in assenza di un governo nella pienezza dei suoi poteri, il Parlamento ha già inviato un messaggio chiaro: sono stati presentati 450 progetti di legge. La notizia è riportata da tecnicadellascuola.it. Purtroppo si parla poco di scuola.
Si legge “Per esempio Antonella Incerti (PD) è la promotrice di un ddl in materia di “Disposizioni per la promozione, il sostegno e la valorizzazione delle manifestazioni dei cortei in costume, delle rievocazioni e dei giochi storici”.
Susanna Cenci, anche lei del PD, intende invece proporre una “legge quadro in materia di raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi freschi o conservati destinati al consumo” e Maria Chiara Gadda, sempre PD, vuole affrontare il tema della “composizione dei prodotti cosmetici e disciplina del marchio italiano di qualità ecologica.
Emanuela Rossini, del Gruppo Misto, mira in alto con un disegno di legge costituzionale per distaccare tre Comuni del Veneto e della Lombardia e annetterli al Trentino-Alto Adige.
Barbara Saltamartini (Lega) ha già depositato un discreto numero di progetti di legge tra i quali anche uno che dovrebbe regolamentare l’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche.”

Brutto, pessimo segnale

Solo la proposta presentata da L. Gallo (M5S) interessa la scuola.
Se “il buongiorno si vede dal mattino”, allora siamo messi male! Sembra ripetersi il solito canovaccio. La scuola “rivive” solo  nel periodo elettorale . Fuori da questo contesto ,  è occasionalmente oggetto di ‘ chiacchiere  da bar”, dove   gli interlocutori “inesperti di aula”, discutono di pedagogia e formazione.  Spesso dopo la “chiacchiera” c’è il Nulla! Questi però sono episodi, confermando il fine strumentale delle discussioni.E quando dalle parole si passa ai fatti, allora si hanno solo   disastri ( Riforma Moratti, Gelmini, “La Buona Scuola).
La condizione socio-culturale della scuola  è il nascondimento. Pubblicamente è una realtà poco interessante (la formazione non è un prodotto da esibire dopo cinque anni) e quindi invisibile, trasparente. La scuola riemerge solo per discutere sull’apertura delle aule infuocate , per approfondire casi di violenza…
Sarà così anche in questa legislatura? Lo sapremo solo fra qualche mese.

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.