Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

Scuola. Quante parole in libertà!

 

Il paradigma del nostro tempo è l’annuncite. Termine che indica un “fiume di parole”, finalizzato a nascondere la realtà dei fatti, spesso scomoda, dura da far accettare. Questa è sostituita con il NULLA, cioè a contesti onirici che difficilmente diverranno realtà.
Parliamo delle tante dichiarazioni che stanno occupando i siti e i blog professionali. In concreto, i sindacati, reduci dalla pessima prestazione   dell’intesa precontrattuale ( promessi 85 € lordi in tre anni con la prospettiva di modificare il Decreto Brunetta e la L. 107/15 ), stanno prospettando scenari difficilmente attuabili con dichiarazioni che prospettano la prevalenza dell’ l’istituto contrattuale  rispetto alla legge. In questa direzione punta, ad esempio, l’esternazione della Uil-scuola; “La via maestra è il contratto, non ci sarà  la ‘lista della spesa’, né il ‘trenino’ della protesta”.  Quello che vogliamo concordare con il ministro è un metodo di lavoro e di confronto che entri nel merito delle singole questioni aperte dalla legge 107, da modificare con la leva della contrattazione”. La dichiarazione soffre di “dimentichite” nei confronti del decreto  lgs. N. 150  (2009) che ha attribuito nuovamente alla legge la funzione di  fonte principale in materia di pubblico impiego regolandone in maniera inderogabile gli aspetti più rilevanti. Quindi è difficile pensare a soluzioni che bypassino l’attuale quadro normativo.
Bene ha fatto, inoltre,  R. Palermo a scrivere che la legge 107/15 può essere modificata solo dal Parlamento  , mettendo a nudo tutti i limiti della strategia sindacale che punta a depotenziare la legge attraverso decreti ministeriali.
Il Ministro V. Fedeli, ha già iniziato a scoprire le sue carte con la pubblicazione dell’Atto di indirizzo per il 2017. Si legge infatti, all’inizio del documento che si intende “proseguire nel processo di implementazione e di completa attuazione della legge 107 del 2015″. Il passaggio contraddice nei fatti le dichiarazioni al confronto e all’ascolto del Ministro. Risulta, però coerente  con la posizione assunta dal parlamentare V. Fedeli al momento dell’approvazione parlamentare della  “Buona Scuola”.
Non illudiamoci! Non possiamo aspettarci un segnale di discontinuità rispetto alle decisioni prese dal governo Renzi, perché l’attuale esecutivo continua ad esprimere lo stesso profilo culturale del precedente. A conferma di questo, non si leggono dichiarazioni del Ministro Gentiloni finalizzate a rimettere in discussione la logica “financapitalistica” ( L. Gallino ) che caratterizza l’Euro. Pertanto anche le suddette dichiarazioni di apertura del Ministro sono dettate dall’intenzione di nascondere con il fumo la sostanza delle cose: non cambierà nulla!