Posted in: Scuole aperte

Scuole aperte comunque, l’on. Borghi ci ha fatto capire tutto!

Scuole aperte
Scuole aperte comunque! Dobbiamo crederci? Diversi sono i dubbi

Scuole aperte comunque. Gli insegnanti hanno compreso benissimo i motivi di questa presa di posizione. L’on. Borghi (Lega) senza troppi giri di parole, conferma la tesi di una scuola totalmente asservita all’economia.

Scuole aperte comunque perché sono importanti per la formazione?

“Scuole aperte”, Comunque, anche se i contagi aumenteranno. “Le scuole saranno le ultime  chiudere, perché sono una risorsa per il nostro Paese” E così via! L’ascolto superficiale di queste dichiarazioni può fuorviare qualcuno. Mi riferisco  a chi non conosce la storia recente della scuola, fatta di riforme devastanti, tagli scriteriati e prelievi forzosi di risorse (Riforma Gelmini, 2008). Una scuola che negli ultimi anni è stata percepita come un bancomat, una voce che non ha mai fatto coppia con l’impegno concreto a migliorarla, impiegando risorse significative .
Due esempi: La proposta di legge abrogativa le classi pollaio è stata bloccata da V. Aprea.  Dichiarava a inizio 2019: “il provvedimento non ha nessuna speranza di essere approvato, considerato che il suo onere finanziario è molto consistente e che la legge di bilancio appena licenziata dal Parlamento ha previsto consistenti tagli al settore dell’istruzione nel prossimo triennio”
Meno diretta e quindi più sottile l’opposizione di A. Ascani (attuale viceministro) che invitava il Governo giallo-verde a effettuare “uno studio di fattibilità preventivo che verifichi l’attuabilità, in termini di risorse non solo finanziarie ma anche umane e strumentali, della riduzione del numero di alunni per classe”
Concludo  con L. Fioramonti che fu costretto alle dimissioni il 28 dicembre 2019 perché il Governo Conte 2  non era disposto a investire 3 miliardi per la scuola.

L’On Sandro Borghi (e non solo), chiarisce tutto!

Questa breve sintesi di alcune recenti vicende fa sorgere la domanda: “Ma davvero la scuola è ora percepita come un ambiente di apprendimento e di socialità e quindi è importante per la società?” Risposta: ne dubito! La scuola è strategica solo perché serve a liberare i genitori, consentendo loro di andare a lavorare e quindi contribuire a non far crollare l’economia.
La prima conferma – ma non era necessaria – proviene dalla stessa Ministra Azzolina che si era fatta promotrice di espellere dalla scuola le classi pollaio. Ha dichiarato l’altro giorno” “I  bambini devono andare a scuola e le mamme devono avere il diritto di andare a lavorare” (Che tempo che fa 25 ottobre).
Il Sole 24ore è ancora più esplicito: “Si può ipotizzare che, qualora il Governo dovesse ricorrere a un nuovo lockdown esteso all’intero territorio nazionale, l’impatto sul Pil sarebbe ancora più marcato e si andrebbe incontro a una nuova recessione, con effetti gravi e tangibili sul versante dell’occupazione.”.
L’ultima dichiarazione in ordine di tempo che fa comprendere la reale importanza della scuola è fornita dall’On. C. Borghi: ” Signor Presidente lei ha detto che il diritto alla salute è preliminare. Come si permette di fare una scaletta dei valori costituzionali? Se guardiamo gli articoli semmai è al 32esimo posto, il diritto al lavoro invece è al quarto. E l’articolo 1 dice che l’Italia è una repubblica fondata sul lavoro, non sui Dpcm