Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Sempre peggio?

 

47656_470974436282036_1478338953_n

Sulla “Repubblica Palermo.it” si legge questa sconcertante notizia: “Ha rimproverato un alunno che aveva falsificato la firma dei genitori sotto una nota presa a scuola e si è ritrovata una denuncia per abuso dei mezzi di correzione, reato per il quale è ora indagata, e una richiesta di risarcimento del danno di 34 mila euro per le presunte “sofferenze psichiche” riportate dal bambino a causa del rimbrotto. E’ accaduto a una maestra elementare di Palermo incolpata di avere fatto notare all’alunno che falsificare una firma è sbagliato e che gli adulti che fanno cose simili commettono un reato. Una ramanzina che il bambino ha subito riferito ai genitori che sono andati dall’avvocato. Oltre a sporgere querela nei confronti dell’insegnante, la famiglia ha intentato un’azione civile presentando alla donna un conto di 34 mila euro. A tanto in denaro corrisponderebbe, a dire del legale, il danno psicologico subito dal ragazzino traumatizzato dal rimbrotto. Nell’atto di parte è stata inserita anche la consulenza di un esperto che certifica le “sofferenze” riferite dal bambino.” Una riflessione da insegnante. Il fatto mi sembra fuori da ogni logica e assurdo che mi sorge una domanda: la “sgridata” non potrebbe essere l’ultimo colpo a un rapporto già compromesso tra la maestra e i genitori? Dalla mia esperienza constato che un rapporto di fiducia, di rispetto e di collaborazione tra chi esercita la patria podestà e gli educatori non può improvvisamente incrinarsi o “subire un cedimento strutturale” tanto da aprire la strada una chiamata in giudizio del docente. E’ vero che i genitori possono dividersi in tre categorie; quelli che hanno totalmente fiducia nel tuo apporto educativo-formativo, attribuendo ad esso una funzione integrativa o di supplenza; segue poi un numero imprecisato di genitori che occupano una zona grigia, caratterizzata da ammirazione e gelosia, da aperture e resistenze passive, da attenzioni protettive verso i propri figli e da lamentele per inezie che intendono nascondere la loro difficoltà ad accettare un modello educativo diverso e che rischia di far crescere diversamente il loro figlio; infine esiste una tipologia di genitori indifferente a qualunque discorso educativo, intendendo la scuola come un mero parcheggio per i loro figli. Volendo prendere le difese ad oltranza della maestra, forse i genitori che hanno coinvolto l’avvocato fanno parte della seconda categoria. Sarebbe interessante avere qualche indizio pregresso per andare oltre la semplice notizia che estrapolata dal contesto sembra assurda.