Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Stabilizzazione dei precari: il bluff di Renzi

matteo-renzi1

Mi meraviglia la tranquillità del Ministro Giannini e di Faraone, quando dichiarano che i 100.700 precari verranno tutti stabilizzati il 1° settembre 2015. Convinzione dovuta a ignoranza dei meccanismi parlamentari legati a un Disegno di Legge, o a una strategia finalizzata a “ scaricare “ le responsabilità della mancata approvazione in tempi adeguati all’opposizione parlamentare? Comunque è chiaro a molti che “ la Buona Scuola” è in “zona Cesarini” ( uso un’espressione cara agli sportivi e ai telecronisti del pallone) . Condizione  dovuta  al rapporto tra i tempi di approvazione del Parlamento e quelli necessari per l’Amministrazione per  la  stabilizzazione dei precari. Nella migliore delle ipotesi e con l’approvazione del Ministro Padoan,  il Miur quest’anno riuscirà a stabilizzare solo quei precari necessari per coprire una parte di personale collocato a riposo dal 1 settembre 2015 . Si parla di qualche decina di migliaia di stabilizzati, quindi molto al di sotto dei numeri annunciati dal vero Ministro del Miur: Matteo Renzi. Quest’operazione non sarà la conseguenza dell’approvazione del Disegno di Legge  sulla “ Buona Scuola”, ma del normale turn over. Le cose non cambiano di molto con lo stralcio del Disegno di Legge 9497 riguardante i precari. Temo, inoltre, che con un’ economia disastrata come la nostra ( Pil da prefisso telefonico, disoccupazione quasi al 13%…) le assunzioni si fermeranno qui.  Con buona pace di quelli rimasti fuori. Per “spirito di corpo” mi auguro di essere smentito dai fatti.