Posted in: Contratto scuola, Opinioni, Tutti gli articoli

Stipendi bassi. Occorre “salire” per capire!

Scriveva F. Hegel che per comprendere i movimenti della storia occorre osservare la foresta e non il singolo albero. Nel nostro presente “l’albero” corrisponde ai salari bassi, alla perdita del lavoro e alla contrazione dei diritti. Questi puzzle costituiscono un disegno che si chiama Euro. Come ha scritto D. Fusaro, questa moneta è un metodo di governo  finalizzato a ridurre e/ annullare tutte le conquiste sociali del secolo scorso.
La conferma di questo disegno proviene da M. Draghi, governatore della BCE. Egli sostiene  la tesi ( 2015, ma sempre attuale ) che per salvare l’Euro occorre tenere bassi i salari. Quindi un convinto sostenitore della moneta europea, conferma le tesi degli economisti anti-Euro. Uno di questi è A. Bagnai. Egli  ha ben spiegato il meccanismo ( cfr. ” Il tramonto dell’Euro” e ” L’Italia può farcela” , il Saggiatore ). In sintesi: ci troviamo in un regime di tassi fissi. Quindi i paesi più deboli economicamente ( Italia, Portogallo, Spagna, Grecia ) per mantenere la competitività  dei loro prodotti, devono mantenere bassi i salari dei lavoratori, ottimizzare le risorse… Prima la competitività era salvata dalla svalutazione. Oggi, invece, con la sottrazione dei diritti…
Pertanto sarà impossibile nei prossimi anni sperare di migliorare significativamente la nostra condizione di lavoratori. A meno che non cambi il disegno che sta dietro l’Euro!