Posted in: Opinioni

Umberto Galimberti e la scuola diseducante

Umberto galimberti
Umberto Galimberti e il tramonto dell’educazione che ha portato alla notte della scuola.

Umberto Galimberti parla di una scuola che non educa più. Lectio magistralis del filosofo.  Gli insegnanti lo sanno da diverso tempo. E’ il trionfo della tecnica. La notte del mondo (M. Heidegger) e nello specifico della scuola.

Umberto Galimberti, la notte della scuola che non educa più

Umberto Galimberti, filosofo che da sempre invita a rileggere il pensiero greco, quello che considerava il limite come categoria del mortale, torna con una lectio magistralis. Una sintesi del suo pensiero, dove  denuncia la notte della scuola dove l’educazione è scomparsa dal suo orizzonte. La responsabilità è della tecnica che ha contaminato anche l’istruzione, riducendola ad osservare solo la superficie della persona, spogliato della sua interiorità (passioni, sentimenti, domanda sull’Essere…). La crisi della funzione docente nasce da questo mutamento di finalità.

Umberto Galimberti e l’affermazione della tecnica e quindi dell’homo consumens

Fatta questa premessa, riporto alcuni passaggi, ripresi dal portale Orizzontescuola. 
La scuola  non educa. La soggettività non conta proprio niente.” La tecnica ha vinto  non tanto quella del mercato, non tanto quello della tecnologia, ma quello della tecnica e quelli dell’efficienza e della produttività,  del consumo e della continua crescita. “Chiedetevi –   se voi siete valutati ogni giorno in base a chi siete o in base alla vostra capacità di essere efficienti e produttivi negli apparati in cui vi trovate. Abbiamo una struttura sociale che non guarda più in faccia alle persone ma alle loro prestazioni, e questo ha invaso anche la scuola”. E’ il tema del tema di prima, non più richiesto agli studenti, sostituito dalla comprensione del testo. Dalla prestazione: “Sì, dalla prestazione. La soggettività non conta proprio niente in questa società… Basta guardare allo scenario economico e a cosa sono diventate le persone. Il capitalismo sta divorando se stesso perché ha fatto diventare il denaro il principale tra tutti i valori. C’è l’illusione di una continua crescita attraverso il consumo.
Ed ecco la stoccata finale.
“Quanti professori assolvono i compiti   ministeriali e poi neppure conoscono i propri studenti? Ne consegue che la responsabilità personale sparisce. La scuola non educa più. Se volesse educare dovrebbe avere classi con non più di quindici alunni.”