6 Giugno 2021

Emergenza sanitaria, le opportunità del digitale e il lato oscuro del Web

By Gianfranco
Emergenza sanitaria

Emergenza sanitaria, la pandemia ha rappresentato una grande opportunità per salire di livello nel digitale. La presenza del Dark Web.

Emergenza sanitaria, la virata forzata della società verso il digitale. Si è aperta una grande opportunità per “salire di livello”. Purtroppo sono aumentate anche le minacce.

Emergenza sanitaria, una grande opportunità

Emergenza sanitaria. La pandemia ha sicuramente resettato tutto il nostro mondo, che ruotava intorno al nostro Io espanso. Come scriveva il filosofo esistenzialista K. Jaspers ha rappresentato una situazione-limite, che ci ha ricordato la nostra condizione di creatura, esposta al “naufragio del divenire“. Per la scuola, e non solo, ha rappresentato un momento di cambiamento che, a differenza della resilienza, ha la sintesi hegeliana come traguardo, e non un ritorno alla tesi. In concreto, la pandemia ha costretto il sistema formativo “a rompere” con la didattica tradizionale, che ha sempre rappresentato  un porto sicuro. Questa condizione ha rappresentato un impedimento a sperimentare le nuove opportunità di apprendimento, la socialità leggera della Rete, la natura in progress delle conoscenze e altro ancora.
Probabilmente la nuova normalità (V. Cipolletta, 2021) sarà rappresentato da un mix di didattica in presenza e online (P. Bianchi).

Il lato oscuro del Web sperimentato dai nostri bambini e ragazzi

Detto questo, esiste però il classico risvolto della medaglia. La maggior esposizione al digitale e in particolare al Web dei nostri ragazzi, ha portato molti di loro a sperimentare il buco nero rappresentato dal Dark Web. Purtroppo questo è avvenuto con la complicità spesso inconsapevole dei genitori.
La lettura (6 giugno) il supplemento domenicale de “Il Corriere della Sera” conferma l’aumento dei rischi in piena pandemia. L’ampio articolo di G. Santucci, supportato da dati, presenta le caratteristiche del Dark Web e le sue tante attività aumentate esponenzialmente in tempo di Covid. Si conclude con una finestra sulle “darknet più nere” riportando il rapporto Europol ( contrazione da European Police Office). “Rapporto Europol. Durante i lockdown, i ragazzi hanno passato più tempo online condividendo video e immagini finiti in mano ai pedofili. Il traffico di materiale pedopornografico ha subito un aumento esponenziale. Il National center for missing and exploited statunitense, a maggio 2020, il centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia online ha trattato 3.243 casi, denunciando 1.261 persone ( 132% rispetto al 2019). Critico il numero degli adescamenti in rete, 401, evidenziando un considerevole incremento di vittime tra 0 e 9 anni. Bambini che non dovrebbero usare i social