Riapertura delle scuole
1 Settembre 2021

Riapertura delle scuole, la coperta del green pass

By Gianfranco

Riapertura delle scuole, la funzione del green pass

Riapertura delle scuole, si parla di green pass. Tanto. Troppo. Lo scopo è distogliere, distrarre dai veri problemi che la scuola dovrà affrontare in queste settimane. A questo aggiungo che la certificazione sanitaria serve anche a nascondere la confusione e il caos che purtroppo diverrà sempre più evidente, soprattutto con l’apertura delle scuole.
Alcuni esempi: le mascherine, gli incontri e il personale scolastico.
Per quanto riguarda i dpi nella nota di accompagnamento alle indicazioni del Comitato tecnico scientifico: “Il CTS raccomanda “laddove possibile in termini di condizioni strutturali-logistiche esistenti nei presìdi scolastici, pagando attenzione a evitare di penalizzare la didattica in presenza … di mantenere il distanziamento interpersonale in posizione seduta”. Il distanziamento, quindi, continua a costituire misura prioritaria di sicurezza.
L’impossibilità di mantenere i necessari distanziamenti nelle aule non determinerà però l’automatica interruzione della didattica in presenza quanto, piuttosto, esigerà l’adozione delle altre misure, ormai ben note, di prevenzione del contagio. Ivi incluso l’obbligo di indossare mascheri ne chirurgiche nei locali chiusi.”
Queste sono le indicazioni valide per tutte le scuole. Almeno fino a ieri. Si legge quanto ha espresso G. Rezza Direttore del Dipartimento di Malattie Infettive e Direttore Generale della Prevenzione presso il Ministero della Salute  su tecnicadellascuola.it: “No, la mascherina non può essere abbassata al banco, lo si chiarisce durante la conferenza di servizio del 31 agosto, dedicata ai dirigenti scolastici. Viene infatti ribadito dagli esperti: la mascherina si porta sempre. In questo momento non c’è la possibilità di abbassare la mascherina al banco in posizione statica.“.
Quindi quale direttiva devono seguire le scuole? Quelle contenute in una nota ufficiale o la posizione di Gianni Rezza?
Altra questione gli incontri collegiali.
Il Cts  ha dichiarato che gli incontri possono essere svolti anche in presenza. Da qui  lo scenario variegato di scuole che preferiscono la modalità online (meglio) e altre invece che hanno optato per gli incontri in presenza. Non condivido questa non-scelta perché i collegi e gli altri incontri sono assembramenti tra adulti vaccinati che possono contagiare.
Ultimo problema riguarda il personale scolastico.
ci sono le cattedre da coprire: il ministro Bianchi ha annunciato «70mila insegnanti immessi in ruolo». Dalla Flc sottolineano: «Ci aspettiamo che siano tra i 60 e i 65mila a fronte di 113mila cattedre da coprire. A oggi però non c’è certezza di quante saranno occupate. Per cancellare il precariato è necessario istituire qualificate e frequenti procedure abilitanti». Nessuna chiarezza sull’organico Covid: lo scorso anno scolastico questa procedura prevedeva incarichi fino alla fine delle lezioni, che sono serviti a sdoppiare le classi in modo da assicurare il distanziamento, soprattutto nell’infanzia e nella primaria dove la dad non si può utilizzare.
Nel decreto Sostegni bis è previsto che per il 2021/2022 l’incarico durerà fino al 30 dicembre e solo per i recuperi formativi: «Nel protocollo sicurezza – spiega Pistorino – abbiamo strappato l’impegno a prolungare l’incarico per tutto l’anno. Abbiamo di fatto allargato le maglie con l’impegno del ministero ma si tratta al momento solo di un impegno che non è stato seguito da circolari agli uffici scolatici. I presidi non hanno ancora indicazioni precise. Il 26 agosto al tavolo con il capo dipartimento abbiamo avuto risposte vaghe, le aspettavamo chiare e stringenti. Chiediamo la scuola in presenza e in sicurezza: ci vogliono azioni concrete, quelle che abbiamo strappato con gli accordi.