Classi pollaio, sospensione e non abolizione e altri problemi

Classi pollaio

Classi pollaio, un emendamento al Decreto rilancio le sospende. L’obiettivo però non è dietro l’angolo.

Classi pollaio,  Il Decreto Rilancio sospende le classi pollaio per l’a.s.2020-21. Occorre accontentarsi.  Purtroppo l’emendamento non risolve alcuni problemi.

Classi pollaio, avviata la procedura di sospensione

Classi pollaio, se ne parla tanto! Rappresenta oggettivamente un problema per la riapertura delle scuole a settembre.
Nel Decreto Rilancio al vaglio della Commissione Bilancio della Camera, è stato approvato un emendamento. Si legge: “Al fine di consentire l’avvio e lo svolgimento dell’anno scolastico 2020/2021 nel rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19… sono adottate, anche in deroga alle disposizioni vigenti, misure volte ad autorizzare i dirigenti degli uffici scolastici regionali, nei limiti delle risorse di cui al comma 2, a:
a) derogare, nei soli casi necessari al rispetto delle misure di cui all’alinea ove non sia possibile procedere diversamente, al numero minimo e massimo di alunni per classe previsto, per ciascun ordine e grado di istruzione, dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 81;”

Un emendamento  che rischia di rimanere sulla carta

Tutto bene allora? Innanzitutto  si tratta di una sospensione e non di un superamento, in quanto l’emendamento pone un limite temporale (a.s.2020-21)  Ho sempre sostenuto l’obiettivo massimo (abolizione). Occorre però accontentarsi.
La sospensione però non sarà un’operazione facile, in quanto porta con sé alcuni problemi.
Il primo è l’assenza di soluzioni alternative, ben evidenziato nella premessa dell’emendamento alla lettera A: ” nei soli casi necessari…”. Quindi solo se…
L’ipotetico superamento delle classi pollaio, inoltre richiede l’assunzione di docenti. Il Mi ha previsto un  massimo di 50.000 insegnanti  da finanziare con il fondo Covid-19 che dovrà tener presente anche altre richieste non scolastiche. Quindi la stima ipotizzata dal quotidiano Italiaoggi (7 luglio) è di 30.000 docenti.  Saranno sufficienti a coprire la maggior richiesta di organico, necessaria per la sospensione anche delle classi pollaio?
Terzo problema. Conoscendo la lentezza del Mi e dei suoi corpi intermedi in periodi normali dell’anno, riusciranno ad ottimizzare i tempi nei mesi estivi, consentendo alla Ministra di realizzare l’obiettivo?
Staremo a vedere. Non manca molto tempo per avere la risposta.