Posted in: Scuola

Contagi a scuola, posizioni a confronto

Scuola e contagi
Contagi a scuola, una breve sintesi delal posizione della Ministra e dei tecnici. Questi ultimi non aiutano.

Contagi a scuola, la Ministra Azzolina mantiene il punto. Le posizioni sono sostanzialmente due di difficile sintesi.

Contagi a scuola, la ferma posiojne della Ministra

Contagi a scuola. lo scenario non cambia. Le posizioni rimangono ferme. Quella della Ministra, dalla quale traspare il profilo docente attento al ben-essere dei ragazzi continua a ripetere: ” Ora è arrivato il tempo di tornare in classe. La scuola è un servizio pubblico essenziale, non si può continuare a sacrificare i ragazzi né pensare che la didattica a distanza possa sostituire quella in presenza” (Il Fatto Quotidiano 4 gennaio 2021).
Comprensibile la continua reiterazione di una posizione di chi ha investito risorse e trovato soluzioni organizzative che hanno di fatto modificato il modello di scuola proposto fino a marzo.

La contrapposizione tra gli esperti che non aiuta

Ma cosa dicono gli esperti o i tecnici? Purtroppo esiste una contrapposizione, mai giunta a sintesi. La situazione ovviamente non tranquillizza i docenti, soprattutto quelli che  ancora sono in trincea (infanzia, primaria e secondaria di primo grado).
Propongo due interviste che fanno comprendere la situazione. La prima posizione che sospetta il contributo della scuola nei contagi è ben espressa dal matematico  Giovanni Sebastiani. Con  il virologo Giorgio Palù  ha pubblicato su Viruses un lavoro in cui si sostiene che le scuole hanno avuto una centralità nella seconda ondata di Covid-19 .”A 14 giorni dall’inizio dell’anno scolastico la crescita dei contagi era di tipo lineare, con l’apertura siamo arrivati al 3 per cento dei nuovi positivi sui casi testati. Quattordici giorni ancora e l’aumento è diventato esponenziale, simile a quello dei primi di marzo. I contagiati raddoppiavano ogni settimana, e così i ricoverati in terapia intensiva. Da cosa è dipesa questa impennata? L’unico elemento di novità presente è stata la riapertura delle scuole, con 9 milioni di persone in movimento.  ” (La Repubblica 4 gennaio 2021). Alla domanda “Ci sono altri lavori che ritengono che la scuola, sul piano dei contagi, si comporti come il resto della società”, il matematico risponde:”Sul piano statistico sono deboli. Da novembre in poi sono cresciute le ricerche che evidenziano un problema specifico negli istituti scolastici italiani.”
Dalla parte opposta troviamo l’immunologa A. Viola che sempre sullo stesso quotidiano dichiara: “Le scuole devo essere riaperte. I dati dell’Istituto superiore di sanità hanno dimostrato che non sono un amplificatore dei contagi e se si seguono regole rigorose è possibile, anzi fondamentale, che i ragazzi tornino in classe. Utilizziamo ogni cautela: l’obbligo della mascherina, il distanziamento, gli orari sfalsati nelle entrate e nelle uscite, la sanificazione, i tamponi, ma riportiamo i nostri ragazzi sui banchi. Hanno già pagato abbastanza, in gioco c’è il loro futuro