Contratto scuola
23 Novembre 2021

Contratto scuola, la ricerca inutile di risorse del Ministro Bianchi

By Gianfranco

 

Contratto scuola, il Ministro ” Bianchi a caccia di risorse” (ItaliaOggi). L’impegno non porterà a nulla. I fondi per il contratto 2019-21 sono già stati decisi da diverso tempo. I sindacati continuano a confondere i piani.

Contratto scuola, l’impegno del Ministro a cercare risorse

Contratto scuola, il Ministro sta cercando di evitare lo sciopero annunciato dai sindacati. L’impresa è difficile, direi impossibile, almeno per il contratto 2019-21. Le cifre sono state già definite  e il capitolo per il suddetto anno è chiuso.
Eppure come riporta ItaliaOggi (23.11.21) “il Ministro Bianchi ha sensibilizzato tutte le forze di maggioranza perché ci sia il massimo sforzo e da tutti ha ricevuto rassicurazioni in vista della fase emendativa, << siamo tutti al lavoro>> ha detto Bianchi. Il borsellino per gli emendamenti parlamentari ammonta però a 600 milioni di euro: complicato anche arrivare ad avere per la sola scuola la metà della disponibilità necessaria“.

Le risposte non chiare dei sindacati

Nelle dichiarazioni sindacali si continua a mantenere la confusione sul riferimento contrattuale (2019-21 o 2022-24?). Si legge infatti “Ci aspettiamo un impegno concreto non più generico su cosa il Ministro, i partiti di maggioranza, il governo intendono fare. Ad oggi l’unica realtà è quella scritta nella legge di bilancio“. L’altro giorno è stata pubblicata una lunga intervista a P. Turi (Uil). Gli è stata posta la domanda di chiarire il riferimento delle dichiarazioni sindacali. Ecco la risposta:
Qui non si tratta di pensiero, ma della presa d’atto delle decisioni del Governo che con la legge di Bilancio finanzia le spese dell’anno successivo. E’ qualcosa di estremamente concretoUna vera e propria discriminazione che perpetua l’attuale situazione che meriterebbe stipendi uguali per i diversi ordini e gradi di scuola, così come prevede la Costituzione. 
Per quanto riguarda il rinnovo contrattuale la legge di Bilancio finanzia le risorse che saranno erogate nell’anno 2022 che, insieme con i capitoli degli altri anni finanziari, servirà a rinnovare il contratto la cui scadenza è fissata al 31 dicembre prossimo (il rinnovo del contratto è per il triennio 2019-2021). ”
Qualcuno ha compreso il senso della risposta?