Contratto-scuola, un suggerimento al sindacato!

Contratto-scuola

Il sindacato deve solo attendere il contratto giuridico e poi alzarsi senza firmare.

Contratto-scuola, l’intesa del 30 novembre 2016 si basa sull’impegno del governo  a riequllibrare il rapporto tra la elgge e il contratto, a favore di quest’ultimo. Ora sembra che il governo “spinga ” per la firma del “contratto povero” e poi per quello giuridico. Sarebbe una “trappola mortale” per il sindacato, che ne uscirebbe malamente.  A meno che le parti sociali non pazientino…

Contratto-scuola, l’intesa del 30 novembre 2016

Il Governo si impegna alla definizione di un intervento legislativo volto a promuovere il riequilibrio, a favore della contrattazione, del rapporto tra le fonti che disciplinano il rapporto di lavoro per i dipendenti di tutti i settori, aree e comparti di contrattazione, per una ripartizione efficace ed equa delle materie di competenza e degli ambiti di azione della legge e del contratto”.  In cambio il sindacato accoglie gli “incrementi contrattuali in linea a quelli riconosciuti mediamente ai lavoratori privati e comunque non inferiori a 85€ mensili medi”

Come stanno andando le trattattive?

Questo è quanto stabilisce l’intesa del 30 novembre 2016. Purtoppo le prime avvisaglie non fanno ben sperare. Al momento non c’è nulla di concreto. Nessuna firma! Nessuno accordo! Purtroppo, però, il il Def 2016-20 e la legge di Stabilità non escono fuori dalla linea tracciata dall’accordo economico di un anno fa. Non 1 € in più, in quanto  il sindacato non è riuscito al momento a “strappare” alla   Legge 107/15 il bonus-merito (=mancato riequilibrio tra la legge e il contratto)
Quindi 2 a 0 per il governo.

Il sindacato deve solo attendere per vincere

Se questi sono gli sviluppi, allora non è infondato ipotizzare che l’eventuale firma sul contratto, rappresenerà una brutta pagina della storia del sindacato. Una doppia- Caporetto: economica e giuridica. Le notizie che giungono dal versante normativo sono tutte con il segno meno davanti. In altri termini confermano un quadro volto a peggiorare il profilo giuridico del docente.  Tanto che qualcuno  ha già definito il prossimo contratto con il termine di “punitivo”.
Può ancora fare qualcosa il sindacato? Certo! Attendere che il governo comunichi le sue intenzioni (peggiorative) sul contratto giuridico e alzarsi dal tavolo senza firmare. Se si comporterà in questo modo avrà un altro valido motivo: il mancato impegno del governo a riequilibrare con uno o più atti formali il rapporto tra la legge e il contratto.
Quale migliore giustificazione per disattendere l’accordo del 30 novembre 2016?

Questa voce è stata pubblicata in Contratto scuola. Contrassegna il permalink.