Contratto scuola
13 Ottobre 2021

Contratto, si prevedono compiti aggiuntivi. Il problema delle risorse

By Gianfranco

 

Contratto, all’orizzonte la conferma dei compiti aggiuntivi. . Resta però il problema delle risorse. Il Governo ha già la soluzione pronta: scaricare sugli Istituti il compito di individuare risparmi e altro. Si profila anche il lavoro gratis, contravvenendo all’art. 36 della Costituzione.

Contratto scuola, tutto ruoterà sui compiti aggiuntivi

Contratto scuola, l’ultimo risale al 2018. Nonostante i proclami dei sindacati il personale scolastico ha ricevuto l’adeguamento monetario, come previsto dal D.Lvo 29/93. Sarà così anche per questa tornata contrattuale. In queste settimane , si ripete il canovaccio: ” sparare” cifre impossibili. Non se ne comprende il motivo che spinge i sindacati a a dedicare i propri sforzi a quessta missione impossibile. Potrebbero concentrare i loro sforzi sul superamento della gabbia salariale imposta dal suddetto provvedimento. E invece…
La progressione della carriera, quindi rimarrà ancorata all’anzianità legata ai sette gradoni, formalizzati con il contratto 1994-97 art. 68.
Pertanto non resta che concentrarsi sulle  funzioni aggiuntive, già esistenti nel mondo della scuola e che vengono finanziate, principalmente con il Fis.
Lo conferma ItaliaOggi (12 ottobre). “nella bozza di indirizzo per il contratto predisposta dai vertici del Mi, e che nei prossimi giorni dovrà essere inviata alla Funzione pubblica per il vaglio finale si prevede che sia proprio il contratto nazionale a disciplinare compensi e impegni orari di quanti decideranno di svolgere funzioni ulteriori rispetto a quello dell’insegnamento frontale.”

Risorse incerte. Ci penseranno gli Istituti scolastici

Se questo sarà il risultato finale, la progressione della carriera sarà ancora legata al lavoro aggiuntivo svolto. Il problema sono le risorse. Quelle certe sono contenute nella legge di Bilancio 2019 e 21. Il totale è di circa 3.800 milioni di € (per l’esattezza 3.775 mln di euro). La soluzione comunque è pronta. Si legge sempre su ItaliaOggi ” è evidente che senza un plafondad hoc le nuove funzioni potrebbero essere retribuite riutilizzando i fondi che già oggi ad oggi sono attribuiti al singolo istituto. Insomma una partita di giro senza risorse fresche che però renderebbe assai indigesta l’operazione al mondo sindacale
Questo sarebbe lo scenario “migliore”. Quello peggiore è l’aumento delle funzioni aggiuntive senza certezza di adeguato riconoscimento. In altri termini: si profila il lavoro gratis, contravvenendo all’art 36 della Costituzione” Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro…